Eredita 3 milioni di vecchie lire ma è carta straccia

Eredita 3 miliardi di lire ma non riesce a cambiarli in euro

Chi possiede delle lire non può più illudersi di poterle convertire in euro, quindi è in possesso solo di carta straccia. È ciò che è accaduto a Luigi C. che ha ereditato 3 miliardi di lire dal nonno, che però oggi non valgono nulla.

Le lire in eredità

Luigi C. dopo la morte di suo nonno, ha scoperto di essere l’unico erede della sua fortuna. Il nonno era un imprenditore in pensione e aveva deciso di passare gli ultimi suoi anni a Lugano in Svizzera, qui il nonno aveva messo da parte un bel gruzzoletto, come due conti correnti cospicui, degli immobili e un portafoglio di titoli azionari, andati tutti in eredita a Luigi. Ma non solo, anche una cassetta di sicurezza all’Ubs di Lugano, la sua apertura ha suscitato tanto stupore e meraviglia, all’interno c’erano banconote da 500 mila lire fino ad arrivare ad un totale di 3 miliardi di lire.

Luigi, quindi, presa tutta l’eredità è tornato in Italia.

Il rifiuto della Banca d’Italia del cambio dell’eredità in Euro

L’uomo, poiché è un funzionario bancario, già era a conoscenza della legge, ma ha voluto provarci lo stesso. Luigi si è presentato agli sportelli della Banca d’Italia chiedendo il cambio valute dei suoi 3 miliardi di lire ma ovviamente ha ricevuto un secco no. Il termine ultimo per fare richiesta di cambio era il 2012, cioè 10 anni dopo dell’entrata in vigore della moneta unica quindi la Banca d’Italia seguendo le direttive del Ministero ha negato il cambio.

Fare richiesta legalmente del cambio

Luigi si è rivolto agli avvocati della Fondazione italiana risparmiatori per iniziare una controversia contro la Banca d’Italia. Il 4 aprile la Fondazione ha inviato una lettera dove si chiede di procedere alla conversione delle lire in euro per un totale di 1.549.370,70 euro, con l’avvertimento di procedere nelle sedi appropriate per tutelare il diritto di Luigi. Gli avvocati della Fondazione, basandosi su sentenze già emesse, sostengono che i 10 anni per il cambio lira/euro decorrono dal giorno in cui si entra in possesso delle somme in lire.

Per Luigi ci sono ancora speranze che possa entrare in possesso della sua eredità.

Leggi anche: 3 miliardi di vecchie lire in eredità dal nonno: non gli vengono cambiate in euro


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.