A 67 anni senza diritto alla pensione: possibilità con opzione Dini

Compiuti i 67 anni se non si possiedono 20 anni di contributi esistono diverse possibilità di pensionamento.

In Italia, a parte rare eccezioni, è possibili accedere alla pensione di vecchiaia solo e al compimento dei 67 anni si sono maturati almeno 20 anni di contributi. Nella pubblica amministrazione il dipendente che compie i 67 anni viene posto a riposo d’ufficio a meno che non richiede il trattenimento il servizio perchè non ha maturato il diritto alla pensione.

67 anni senza pensione

Una nostra lettrice ci scrive

Gentile dottoressa Patrizia Del Pidio, Compio a marzo 2020 67 anni e lavoro da settembre 2006 come insegnante di ruolo  nella scuola primaria. Non ho servizio preruolo nè altri contributi versati perchè prima di tale periodo ho voluto dedicarmi alla famiglia. Ovviamente non raggiungo il diritto alla pensione ma la mia amministrazione non mi permette di chiedere il trattenimento in servizio perchè sostiene che anche lavorando fino al limite massimo di 71 anni non arriverei lo stesso al diritto alla pensione di vecchiaia. Potrei riscattare gli anni di studio universitario, che sono 4, ma anche con quelli, senza il trattenimento in servizio non  potrei raggiungere il diritto alla pensione. Mi rivolgo a lei perchè leggendo le sue risposte vedo che riesce a districare anche le situazioni più complicate. Mi dia un consiglio.

In effetti il trattenimento in servizio ne le verrebbe concesso anche se afferma che potrebbe riscattare gli anni di studio universitario poichè il decreto di trattenimento in servizio deve far conto sui contributi effettivamente accreditati alla data della domanda (e quindi entro il 30 dicembre 2019).

Una soluzione per la sua situazione, però, c’è.  A settembre 2020 avrebbe maturato 14 anni di contributi. Riscattando un solo anno di laurea, se gli studi universitari si collocano prima del 1996, potrebbe accedere al pensionamento di vecchiaia con 15 anni di contributi grazie all’opzione Dini.

Requisiti Opzione Dini

Le spiego: l’opzione Dini permette il pensionamento a 67 anni con soli 15 anni di contributi a chi è in possesso di questi requisiti:

  • meno di 18 anni di contributi maturati prima del 1 gennaio 1996 (requisito in suo possesso)
  • almeno 5 anni di contributi versati dopo il 1 gennaio 1996 (requisito in suo possesso)
  • almeno un contributi versato prima del 1 gennaio 1996 (requisito che acquisirebbe con il riscatto di 1 anno di Laurea)
  • almeno 15 anni di contributi (requisito che acquisirebbe con il riscatto di 1 anno di laurea)
  • 67 anni di età
  • che l’assegno pensionistico sia pari ad almeno 1,2 volte l’assegno sociale INPS (per questo requisito deve farsi aiutare da un patronato attraverso una simulazione: se l’importo è inferiore le sconsiglio anche il riscatto dell’anno di laurea).

Se non rientra in questa misura le sconsiglio il riscatto degli anni di studio poichè non collocando contributi prima del 1996 rientra, al compimento dei 71 anni nella pensione di vecchiaia contributiva per la quale bastano almeno 5 anni di contributi maturati a patto che non si abbiano contributi versati prima del 1996.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.