Abbassare la pressione: ecco le tisane che aiutano

Per chi soffre di pressione alta, a parte di prendere medicinali, un soggetto può affidarsi anche ai metodi naturali, che possono essere l’uso delle tisane, ce ne sono alcune davvero efficaci.

Per chi soffre di pressione alta, a parte di prendere medicinali, un soggetto può affidarsi anche ai metodi naturali, che possono essere l’uso delle tisane, ce ne sono alcune davvero efficaci. Spesso, se non è in fase critica, la pressione alta non dà sintomi e in silenzio mette in pericolo la salute, ed è un serio pericolo per cuore, reni, occhi e cervello, quando supera i livelli di norma, bisogna riportarla subito nella norma. Le cose da fare subito, e non si discute, sono l’alimentazione e lo stile di vita. Le tisane possono essere un rimedio naturale per chi non ha necessità obbligatoria di medicinali. Diciamo anche che bisogna comunque fare attenzione alle controindicazioni e consultare un medico prima di iniziare a prenderle.

Quale possono essere le tisane che possono fare bene a questa necessità e i loro ingredienti

Il karkade’ (Hibiscus sabdariffa): usato in Africa occidentale è uno dei rimedi erboristici più studiati contro la pressione alta, la sua azione sarebbe basata sulla sua azione rilassante sui vasi sanguigni. Uno studio clinico lo ha messo a confronto con il captopril, principio attivo di farmaco per l’ipertensione, e si è visto che i due trattamenti si equivalgono.

Lo zenzero: spezia di origine asiatica, migliora la circolazione del sangue rilassando la muscolatura associata ai vasi sanguigni.

Il tè (Camelia sinensis): qui ancora non è del tutto chiaro, dipende dal tipo di fermentazione, infatti il tè verde è il tè oolong che sono dei tè poco fermentati o per niente, vengono associati a un minor rischio di ritrovarsi alle prese con l’ipertensione.

Il ginseng: usato come rimedio contro la pressione alta e problemi cardiovascolari, i suoi principi attivi alleati del cuore sono le saponine e i glicosidi steroidei, agisce sui vasi sanguigni.

Il cumino nero: associato sia all’abbassamento della pressione che a quello del colesterolo totale e cattivo, rilassa i vasi sanguigni.

Lo zafferano: contiene diverse molecole in grado di esercitare azioni antipertensive e vasodilatatrici.

Il basilico: aiuta a ridurre sia la minima che la massima, ma dopo due minuti il suo effetto già cessa.

Il sedano: effetti associati contro la pressione mischiato al miele sia come succo che con i semi.

La lavanda francese: potrebbe ridurre sia la pressione che la frequenza cardiaca.

Il vischio: è stata associata un’azione vasodilatatrice che potrebbe portare benefici alla pressione.

La moringa oleifera: un suo decotto preparato con le sue foglie, ha fornito prove concrete della sua capacità di ridurre la pressione alta.

Tisane principi snellenti e curativi: 4 modi per preparale


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube