Acconto Imu: ecco come si calcola la scadenza del 16 giugno 2020

Acconto Imu: pagamento entro il 16 giugno 2020, ecco come effettuare il calcolo e il pagamento in base alle ultime novità.

Si avvicina la scadenza del 16 giugno con l’acconto Imu. Cerchiamo di capire come effettuare il calcolo e il pagamento per evitare problemi con il Fisco. Quest’anno l’acconto riserva importanti novità in quanto non prevede più la Tasi. 

Calcolo acconto Imu e pagamento

Il calcolo dell’Imu quest’anno ha una novità importante non prevede la Tasi.

Quest’anno il calcolo previsto secondo la norma, la rata di acconto è pari alla metà di quanto versato a titolo di Imu e Tasi nell’anno 2019. Poi, a saldo si effettuerà il conguaglio d’imposta dovuta per l’intero anno.

L’Imu ha un’aliquota base dell’8,6 per mille e non prevede eccezioni di esenzioni o sconti.

L’ aliquota viene applicata in base alla delibera emanata dal Comune dell’anno precedente Il comune può aumentarla fino a 2 punti percentuali, può arrivare ad un’aliquota massima del 10,6 per mille. I comuni hanno piena autonomia e possono prevedere agevolazioni o esenzioni per le fasce più deboli o aiuti economici in periodi particolari (pandemia da Covid-19).

Alcune esenzioni o riduzioni di pagamento Imu

Per le abitazioni principali e le pertinenze l’Imu non è dovuta tranne per le categorie: A/1, A/8, A/9.

Esentata anche la casa familiare assegnata al genitore affidataria, mentre è soggetto al pagamento dell’Imu la casa assegnata all’ex coniuge in assenza di figli o con figli maggiorenni.

Sono soggette al pagamento dell’Imu anche le abitazioni concessi in comodato a parente di primo grado (genitori-figli), considerando una base imponibile ridotta del 50%.

Devono pagare l’Imu anche gli  Immobili locati a canone concordato con un’imposta ridotta del 25%.

Pagamento

L’Imu si divide in due rate: acconto e saldo. La  prima rata (acconto) corrisponde alla metà di quanto è stato versato a titolo di Imu e Tasi nel 2019. Il pagamento può essere effettuato anche in un’unica soluzione se si conosce la delibera comunale (il comune per l’emanazione ha tempo fino al 31 luglio).

La prima rata di acconto deve essere pagata entro il 16 giugno 2020, la seconda a conguaglio entro il  16 dicembre 2020.

Il pagamento dell’Imu può avvenire con  bollettino postale indicando nello specifico campo se rata o unica soluzione, oppure tramite F24 oppure attraverso il sistema  PagoPA


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”