Acquisto auto con legge 104, quali adattamenti deve avere il veicolo?

Acquisto auto con legge 104 si usufruisce di diverse agevolazioni a meno che il veicolo abbia degli adattamenti

L’acquisto di un veicolo in presenza della legge 104 prevede per i disabili quattro benefici fiscali che riguardano l’IVA agevolata, la detrazione IRPEF, l’esenzione del bollo auto e l’esenzione delle imposte di trascrizione al PRA, ma queste agevolazioni si possono ottenere solo se i veicoli vengono adattati in funzione della disabilità motoria.

Acquisto auto con legge 104: IVA agevolata

L’IVA agevolata del 4% anziché del 22% viene applicata sia per l’acquisto di un auto nuova sia di un auto usata, purché sia già adattata. La cilindrata delle auto da acquistare non deve superare per le auto a benzina i 2000 centimetri cubici mentre per le auto a diesel i 2800 centimetri cubici. Inoltre il veicolo deve appartenere alle seguenti categorie: motocarrozzette, motoveicoli per trasporto promiscuo, autovetture, autoveicoli per trasporto promiscuo o specifico.

L’IVA del 4 % si applica senza limite di importo e se ne può usufruire per una sola volta entro 4 anni, trascorso questo periodo è possibile beneficiare di nuovo dell’agevolazione per l’acquisto di una nuova auto.

L’IVA agevolata del 4% si può usufruirne anche sulle riparazioni e l’acquisto di ricambi degli adattamenti.

Acquisto auto con legge 104: detrazione IRPEF

Il disabile può usufruire della detrazione Irpef del 19% sul prezzo del veicolo per un massimo di spesa di 18.075,99 euro. Anche la detrazione fiscale si può applicare ogni quattro anni a meno che il veicolo non venga cancellato dal Pubblico Registro Automobilistico. In caso di furto, si può usufruire della detrazione IRPEF prima dei quattro anni sottraendo dall’importo dei 18.075,99 euro il rimborso assicurativo.

La detrazione Irpef si applica anche alle spese di riparazioni degli adattamenti.

Acquisto auto con legge 104: esenzione bollo

Il disabile per beneficiare dell’esenzione da bollo auto deve presentare agli Uffici competenti del territorio di residenza la domanda di esenzione. La domanda può essere presentata o dal disabile proprietario del veicolo o dal familiare che lo ha in carico. La domanda va presentata soli per il primo anno e avrà valore anche per gli anni successivi.

 

Leggi: Bollo Auto Con Legge 104, Quale Dicitura Deve Avere Il Certificato?

 

Acquisto auto con legge 104: esenzione imposta trascrizione al PRA

Il pagamento dell’imposta di trascrizione al Pubblico registro automobilistico si è esente sia per le auto nuove sia quelle usate. L’esenzione va richiesto al PRA di competenza del territorio di residenza.

Acquisto auto con legge 104: requisiti per richiedere le agevolazioni

I disabili per richiedere le suddette agevolazioni devono rientrare nelle seguenti categorie:

  • Sordi, non vedenti e ipovedenti (il residuo visivo non deve essere superiore a un decimo in entrambi gli occhi);
  • Disabili con handicap mentale o psichico o, in alternativa, i detentori dell’indennità di accompagnamento. Devono comunque presentare i certificati per l’accertamento dell’handicap presso l’Asl;
  • Disabili con delle capacità di deambulazione gravemente limitate. Rientrano in questa categoria anche i disabili che hanno subito pluriamputazioni. Disabili con handicap gravi che comportano una limitazione permanente delle capacità motorie;
  • Disabili con capacità motorie ridotte o impedite. Il diritto alle agevolazioni, in questo caso, è condizionato dalle modifiche fatte al veicolo.

Acquisto auto con legge 104: adattamenti al veicolo

Per poter usufruire delle agevolazioni, il veicolo al momento dell’acquisto va dotato di tutto il necessario per permettere al disabile di guidarlo o di essere trasportato. Le modifiche che vengono apportate devono essere prescritte dalla Asl di competenza.

La normativa vigente e le direttive impartite dal Ministero dei Trasporti ritengono idoneo l’allestimento solo se sono permanente al veicolo e che abbia un collegamento funzionale con l’handicap.

Il cambio automatico anche se prodotto di serie viene considerato come adattamento se è prescritto dalla Commissione Medica Locale competente per l’accertamento dell’idoneità alla guida e annotato sulla patente speciale o sul foglio rosa.

Gli adattamenti sono moltissimi da poter apporre al veicolo, tutti in base al tipo di handicap, si va dai dispositivi di presa al volante ai dispositivi di controllo luci, indicatori di direzione, avvisatore acustico con comandi modificati, comandi guida per tetraplegici. Gli adattamenti alla carrozzeria del veicolo, invece, riguardano lo sportello scorrevole, il sedile scorrevole-girevole simultaneamente, la pedana sollevatrice, lo scivolo a scomparsa, il braccio sollevatore.

Le modifiche vanno eseguite presso officine autorizzate e devono essere sottoposte a collaudo da parte dell’Ufficio Motorizzazione Civile competente successivamente viene aggiornata la carta di circolazione.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.