ACT Acelerator, il progetto dell’Oms contro il Coronavirus

In occasione della riunione virtuale indetta dall’Oms, è stato presentato il progetto ACT Acelerator, un fronte unito contro il Coronavirus

Il progetto ACT Acelerator coinvolge tutti i principali protagonisti della lotta al Coronavirus e nasce come modello di collaborazione mondiale per accelerare lo sviluppo, la produzione e la distribuzione di un vaccino contro il virus SARS-COV-2. 

Cos’è l’ACT Acelerator 

Il 24 aprile scorso l’Organizzazione mondiale della sanità ha istituito una riunione virtuale per affrontare il problema. Si stavano, infatti, ancora affrontando le fasi più critiche della pandemia. Hanno partecipato i Capi di Stato e di Governo dei principali Paesi europei e del mondo, grandi esperti in campo medico e partner privati. Il tema era chiaramente come sfruttare al meglio le risorse sanitarie e tecnologiche per contrastare la diffusione del Coronavirus. 

In questa occasione il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha chiarito il senso comune del progetto rinominato ACT Acelerator (Access to COVID-19 Tools Accelerator). L’obiettivo, infatti, non è solo collaborare tutti insieme per accelerare lo sviluppo e la produzione di un vaccino efficace. Si tratta anche di condividere e progettare terapie e metodologie diagnostiche per combattere il Covid-19. 

L’appello alla mobilitazione 

 L’ACT Accelerator si è concretizzato con l’impegno comune di tutti i Paesi del mondo a costituire un fronte unito contro la diffusione del Coronavirus. A tal proposito la Commissione Europea ha lanciato un’appello alla mobilitazione, istituendo una raccolta fondi. L’iniziativa è partita lo scorso 4 maggio ed è stata promossa, oltre che dall’UE anche dall’Arabia Saudita, Canada, Francia, Germania, Giappone, Italia, Norvegia, Regno Unito e Spagna. 

Il progetto era orientato a raccogliere fondi sufficienti per sovvenzionare in primis la ricerca e la produzione di un vaccino. Hanno partecipato più di 40 Paesi in tutto il mondo. Solo il primo giorno sono stati raccolti circa 7,4 miliardi di euro, di cui 1.5 miliardi sono stati stanziati dalla Commissione europea. Tuttavia, oltre a sostenere la produzione di un potenziale vaccino, una delle missioni dell’ACT Accelerator è anche quella di garantire che questo venga distribuito in tutto il mondo a prezzi accessibili, così che tutti possano accedervi. 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp