Addio avvocati gratis per i migranti, ecco le ultime novità

Salvini, con il Decreto Migranti, vuole impedire ai migranti di essere difesi gratuitamente da avvocati d’ufficio. Ecco quali sono le sue intenzioni.

Una polemica infinita per quanto riguarda i migranti, che vengono protetti gratis dai nostri avvocati. Questo diventa un serio problema, perché occupano i tribunali e pesano sui contribuenti.

I migranti ancora una volta diventano uno dei dibattiti più in voga del momento.

Siamo ancora in attesa del contenuto definitivo per quanto riguarda il decreto migranti. Il Ministro Matteo Salvini, nel mese di giugno, aveva riaperto il discorso migranti. In tal caso essi si sono trovati con le richieste d’asilo rifiutate.

Ti potrebbe interessare anche:
Migranti: pacchia o tortura? “Pensiamoci bene” dice il Papa

Migranti: basta avvocati gratisIl patrocinio è un servizio totalmente gratuito in questi casi. Secondo Salvini esso non fa altro che incrementare “la lobby degli avvocati d’ufficio”, riempiendo il Tribunale e, soprattutto, pesando sui contribuenti.

Il Ministro Salvini dichiara che, per poter eliminare questo fenomeno, bisogna eliminare definitivamente la possibilità di avere un avvocato d’ufficio.

Bisogna ricordarsi che l’articolo 14 del decreto prevede, al pari di quanto succede già nella causa penale, che se l’impugnazione (anche se si tratta di una forma incidentale) viene dichiarata improcedibile e inammissibile, non deve essere pagato nessun compenso al difensore. In seguito, la “comma” prevede che neanche le spese per  le consulenze possono essere liquidate, se nel momento in cui è avvenuto l’incarico si dimostravano essere superflue.

Il decreto migranti prevede:

  • Un incremento dei posti nei Centri considerati permanenti per il rimpatrio
  • Per chi commette reati, ci sarà il blocco per la richiesta d’asilo
  • I rifugiati che rischiano la perdita dello status di rifugiato, nel caso di una permanenza prolungata, avranno lo stop ai rientri in Patria.
  • Prevede la battaglia alle occupazioni abusive delle abitazioni
  • Un aumento dei vigili tra il 2018 e 2022
  • Una lotta alle mafie e al complesso delle attività criminali.

 

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.