Aderire al fondo pensione Espero con possibilità di pensionamento 5 anni prima

Fondo pensione Espero per i dipendenti della scuola, una valida alternativa per anticipare il pensionamento e non solo…

Il fondo pensione Espero nato nel 2004 destinato al pubblico impiego,  riveste un ruolo importante nella previdenza complementare per tutti i dipendenti della scuola. Fa parte dei fondi pensione che rientrano nelle pensioni news nel 2020 e permettono vari vantaggi e agevolazioni fiscali oltre a garantire il pensionamento anticipato con la Rendita Integrativa Temporanea Anticipata (RITA).

Chi può aderire al fondo pensione Espero?

Possono aderire tutti i dipendenti della scuola con contratto a tempo indeterminato; o contratto a tempo determinato con una durata minima di tre mesi continuativi; i dipendenti di organizzazioni sindacali; i dipendenti appartenenti al contratto lavoro FORMA, CENFOP, British Council, F.U.L.G.I.S.; i componenti del lavoratore aderente al fondo pensione Espero.

Come iscriversi al fondo Espero

Per iscriversi al fondo pensione Espero è semplice, basta accedere al portale stipendi NoiPA e digitare le credenziali di accesso (codice fiscale e password) oppure inserire al Carta Nazionale dei Servizi. Dopo aver effettuato questo passaggio selezionale la previdenza complementare tra i servizi scelti Self-service, poi è sufficiente seguire le istruzioni, scaricare la informazioni per l’aderente.

Come funziona

Il fondo pensione Espero come abbiamo sopra menzionato, è molto semplice e per coloro che aderiscono bisogna versare una quota di adesione pari a 2,58 euro; la somma viene trattenuta direttamente nel cedolino paga.

Il dipendente è tenuto al versamento della quota obbligatoria dell’1% della retribuzione. Il sottoscrittore può pagare anche una quota facoltativa del 2% se rientra nel regime di TFS  trattamento di fine servizio.

Nel caso il sottoscrittore sia stato assunto dopo il 1° gennaio 2001 può versare fino al 10% sulla retribuzione ritenuta utile.  All’amministrazione invece, deve versare l’1% della retribuzione. L’obbligo del versamento di questo contributo da parte del datore di lavoro è dovuto solo nel caso in cui il dipendente  sia iscritto al fondo.

Per approfondire i vantaggi ai fini fiscali, consigliamo di leggere: Fondo pensione deducibile nel 730 2020 fino a 5.164,57 euro

Pensionamento anticipato con la RITA

Come anticipato i dipendenti che hanno aderito al fondo pensione Espero possono anticipare la pensione di cinque anni dall’età richiesta per la pensione di vecchiaia (67 anni) con un requisito contributivo minimo di 20 anni; a patto che abbiano versato almeno cinque anni di contributi nel fondo pensione Espero.

La Rendita Integrativa Temporanea Anticipata  va considerata come quell’originalità dalla molteplici potenzialità. Bisogna precisare che il suo limite è relativo all’utilizzo del fondo, ciò vuol dire che chi ha accumulato nel fondo un rilevante montante contributivo riceverà un beneficio considerevole.

Ci sono vari tipi di fondo pensione, la prima differenza è se si tratta di un fondo pensione aperto o un fondo chiuso, inoltre, possono essere sottoscritti in banca, istituti di credito, assicurazione e anche le Poste hanno il Fondo pensione Poste Italiane


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”