2 mesi contributi invalidi: attenzione, la maggiorazione contributiva va richiesta, non viene accreditata in automatico

-
01/08/2018

La maggiorazione contributiva di 2 mesi per gli invalidi viene riconosciuta solo su domanda dell’interessato e non automaticamente.

2 mesi contributi invalidi: attenzione, la maggiorazione contributiva va richiesta, non viene accreditata in automatico

Per i lavoratoti sordi e per quelli invalidi cui è stata riconosciuta una percentuale di invalidità pari o superiore al 74% o per gli invalidi che rientrano nelle prima 4 categorie delle pensioni di guerra, a decorrere dal 1 gennaio 2002 è stata riconosciuta una maggiorazione contributiva di 2  mesi di contribuzione figurativa per ogni anno di servizio effettivamente prestato fino ad massimo di 5 anni di contribuzione totale.

L’ anzianità contributiva del lavoratore viene maggiorata, ai fini del riconoscimento e della liquidazione della pensione e per un massimo di 5 anni:

  • di 2 mesi per ogni anno di attività prestata dal riconoscimento dell’invalidità;
  • di 1/6 per ogni settimana di lavoro svolto per periodi inferiori all’ anno.

 

Maggiorazione contributiva: solo su domanda

Tale maggiorazione contributiva, utile al dirritto per la pensione e all’anzianità contributiva della stessa  ma non al calcolo, viene concessa solo su domanda dell’interessato al momento della liquidazione della pensione.

La cosa assurda di tutto ciò è che molti lavoratori invalidi non sono al corrente che la maggiorazione contributiva non viene riconosciuta in automatico dall’Inps e non presentano la domanda perdendo, magari, la possibilità di andare in pensione prima.


Leggi anche: Esonero contributivo Inps 2021 per partite Iva: cos’è, come funziona e come fare domanda

pensione di invalidità1Come presentare domanda

Le domande di maggiorazione contributiva possono essere inviate dagli interessati o dei loro superstiti esclusivamente attraverso i seguenti canali:

  • Web – avvalendosi dei servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino tramite PIN attraverso il portale dell’Istituto;
  • telefono – contattando il contact center integrato, al numero 803164 gratuito da rete fissa o al numero 06164164 da rete mobile a pagamento secondo la tariffa del proprio gestore telefonico;
  • patronati e tutti gli intermediari dell’Istituto – usufruendo dei servizi telematici offerti dagli stessi.