80 euro in busta paga e quota 100 rimangono, il reddito di cittadinanza con modifiche

-
14/09/2019

Il nuovo ministro dell’Economia fa sapere quelle che sono le intenzioni del governo nei confronti di quota 100, del reddito di cittadinanza e del bonus 80 euro in busta paga.

80 euro in busta paga e quota 100 rimangono, il reddito di cittadinanza con modifiche

L’obiettivo primario del nuovo Governo Conte, appoggiato da Partito Democratico e Movimento 5 Stelle, è quello di sterilizzare l’aumento dell’Iva che andrebbe a colpite tutte le fasce della popolazione provocando un grave danno soprattutto a quelle più deboli. Il percorso politico da intraprendere è indicato dal nuovo Ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri che parla di quello che potrebbe avere in mente il governo.

Quota 100, RdC e bonus Renzi

Gualtieri, dopo settimane di dubbi su quali potessero essere le intenzioni del nuovo governo, fa sapere la posizione del Tesoro sulle misure introdotte nel 2019 e precedentemente come pensione con quota 100, reddito di cittadinanza e bonus di 80 euro in busta paga.
„”In un quadro di risorse scarse l’intervento sulle pensioni andava fatto in modo diverso ma è sbagliato modificare costantemente le regole del gioco in materia previdenziale. Quota 100 ha una durata triennale e l’orientamento è lasciare che vada a esaurimento” afferma Gualtieri tranquillizzando, in questo modo, tutti coloro che intendono pensionarsi con la misura nel prossimo biennio: la quota 100 dovrebbe restare per tutta la sperimentazione, quindi, ed andare ad esaurirsi il 31 dicembre 2021.

Niente paura neanche per il Reddito di cittadinanza che sarà confermato dal nuovo Governo anche se saranno condotte verifiche sull’effettivo funzionamento della misura che potrebbe essere anche migliorata.


Leggi anche: Bonus autonomi da 1000 euro nel 2021: requisiti delle nuove indennità del decreto Ristori 5

Anche se il precedente governo Conte, poi, aveva annunciato la cancellazione del bonus 80 euro in busta paga, con l’attuale governo resterà in vigore perchè per lavorare ad una riforma fiscale che sostenga i redditi medio bassi occorre più tempo.