Acconti imposte: riduzione per il versamento del 2 dicembre 2019

-
11/11/2019

Riduzione degli acconti da versare entro il 2 dicembre 2019, a specificarlo è  Assosoftware, con comunicato del 7 novembre 2019.

Acconti imposte: riduzione per il versamento del 2 dicembre 2019

Riduzione degli acconti da versare entro il 2 dicembre 2019, a specificarlo è  Assosoftware, con comunicato del 7 novembre 2019, nel quale afferma che gli interessati dagli acconti al 50 per cento sono i soggetti a cui si applicano gli Isa, compresi i forfettari, relativamente alle sole imposte Irpef, Ires e Irap (compresa l’imposta sostitutiva per il regime forfettario e le altre imposte sostitutive per le quali si applicano i criteri Irpef di versamento dell’acconto, ad esempio cedolare secca, Ivafe e Ivie).

Nessuna modifica alla dichiarazione dei redditi

Per quanto riguarda le dichiarazioni dei redditi, non deve essere apportata nessuna modifica nella compilazione del modello, relativamente al Rigo RN62 (per Redditi Persone fisiche) che manterrà i valori degli acconti calcolati al 40% e al 60%.

Abbassamento della percentuale nella seconda rata

L’abbassamento della percentuale dovuta per la seconda rata di acconti (dal 60 per cento al 50 per cento) o per l’unica rata (dal 100 per cento al 90 per cento), dovuta entro il 2.12.2019, si potrà applicare anche all’imposta sostitutiva sulle locazioni, nonché alle mini-patrimoniali su immobili (Ivie) e attività finanziarie (Ivafe) detenuti all’estero (nell’ambito dei soggetti individuati dal decreto fiscale, ossia i contribuenti soggetti ai nuovi Isa).

Sono destinati ad aggiungersi ai soggetti interessati anche forfettari e minimi, in base ad un documento di prassi dell’agenzia delle entrate che dovrebbe essere in fase di predisposizione.


Leggi anche: Imu seconda rata: scadenza del 16/12, esenzioni e riduzioni

Obbligo Pos e proroga F24 acconti forfetari e soggetti Isa