Acquisto casa con sconto del 50%: i pro e i contro della nuda proprietà

-
03/06/2019

Acquistare casa al 50% del suo valore immobiliare, con la nuda propietà. Ecco cosa c’è da sapere

Acquisto casa con sconto del 50%: i pro e i contro della nuda proprietà

È possibile acquistare casa con uno sconto dal 25% fino quasi a raggiungere il 50% del valore del mercato, ma non bisogna avere fretta nell’utilizzare l’immobile. Come è possibile? Acquistando solo la nuda proprietà. Questo tipo di investimento, ancora oggi è poco utilizzato in Italia, mentre è molto più diffuso in diversi paesi europei. In Francia questa formula di vendita è addirittura agevolata dallo Stato che ha colto il valore sociale per l’ampia fascia della terza età.

Nuda proprietà: che cosa è

Ciò è possibile perché il nostro Codice Civile con gli articoli compresi tra il n° 978 e il n° 1020, che spezzano la proprietà in due proprietà distinte: la nuda proprietà e l’usufrutto dell’immobile.

Per nuda proprietà si intende possedere solo la proprietà dell’immobile ma non avere la possibilità di utilizzarlo. Mentre il possesso dell’usufrutto dà la possibilità di utilizzare l’immobile fino alla sua morte. Nel momento in cui l’usufruttuario muore la proprietà si riunisce mettendo insieme nuda proprietà e usufrutto, riproducendo la piena proprietà.

Per poter definire il valore della nuda proprietà bisogna, non solo di deve tener conto del valore dell’immobile, ma anche dell’età del venditore che si tiene per sé l’usufrutto. Quindi possiamo dedurre che più il venditore è giovane, più alto è lo sconto, mentre più è anziano, minore sarà il risparmio. Questa della valutazione è la parte più delicata della faccenda, perché nessuno vuole assumere il ruolo di avvoltoi aspettando la morte altri. Facciamo, comunque presente che nella media chi vende ha sempre intorno ai 70 anni mentre chi acquista intorno ai 40 o 50 anni.


Leggi anche: Naspi pagamento Inps di gennaio 2021: che giorno arriva la disoccupazione

Nuda proprietà: come determinare il suo valore

Per poter stimare il valore della nuda proprietà bisogna prendere in considerazione diversi fattore, come: età del venditore, sesso, stato di salute, aspettative di vita, numero di persone che si riservano il diritto di usufrutto, etc.

Quindi per calcolare il suo valore bisogna effettuare calcoli attuariali e statistici non semplici. Il consiglio è sempre quello di rivolgersi ad un operatore esperto nel settore, che può incrociare domanda e offerta. Anche se le domande sono, ad oggi, modeste, è un mercato che andrà ad incrementarsi prendendo in considerazione l’invecchiamento della popolazione italiana da un lato e, dall’altro, la disponibilità, che in questo segmento, di case di pregio e d’epoca.

Paolo Buzzonetti, amministratore delegato di Euvis-Finanza per la terza età, denuncia la mancanza di un mercato della nuda proprietà, qui in Italia. Soprattutto mancano investitori istituzionali, fondi immobiliari, Sicav, che lavorano su larga scala rendendo il mercato più trasparente grazie a una maggiore concorrenza. Buzzonetti dichiara che ci vorrebbe anche una maggiore attenzione da parte del sistema creditizio, si dovrebbero studiare formule di finanziamento ad hoc per chi acquista la nuda proprietà.

Mutuo prima casa 2019: Fondo Consap con garanzia del 50%. Via alle domande