Acquisto casa e comunione dei beni, le ultime novità dalla Cassazione

Acquisto casa con denaro derivante da una donazione, cosa succede con la comunione dei beni? A chiarire i dubbi di molti, arriva una recente sentenza della Corte  di Cassazione, l’ordinanza 24.07.2018, n. 19537.

La Corte ha ha affermato che l’appartamento acquistato da un coniuge, con denaro derivante da donazione di un suo genitore, entra a far parte del regime di comunione legale dei beni (pertanto ne beneficia anche l’altro coniuge), anche se manca un atto che rivesta la forma richiesta dalla legge (art. 769 del C.C.) per la validità delle donazioni, e cioè
l’atto pubblico stipulato alla presenza di due testimoni.

Questo chiarimento è molto importante nella separazione e divorzio, dove la comunione dei beni viene sempre messa in discussione.

Contributo acquisto prima casa

Leggi anche: Casa coniugale, come mantenere i benefici in caso di separazione? Le novità dall’Agenzia delle Entrate

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.