Aliquote IRPEF 2020 e scaglioni di reddito: novità e quanto si paga?

-
03/06/2020

Quali sono e come si calcolano le aliquote Irpef che determinano la tassa? Vediamo gli scaglioni di reddito e come calcolare l’imposta sulle persone fisiche da pagare.

Aliquote IRPEF 2020 e scaglioni di reddito: novità e quanto si paga?

L’imposta sul reddito delle persone fisiche, IRPEF, è certamente la tassa più importante del sistema fiscale italiano, visto che coinvolge circa 40 milioni di lavoratori. Soggette all’Irpef sono le persone fisiche ma anche le società (che versano, però, attraverso i soci). Si tratta di un’imposta progressiva e questo significa che la tassa da pagare aumenta all’aumentare del reddito prodotto.

Irpef e imposta

L’IRPEF viene calcolata tramite aliquote e scaglioni che sono, come abbiamo detto, progressivi ma sull’imposta agiscono anche detrazioni e deduzioni. Le persone che hanno un reddito inferiore agli 8200 euro l’anno, infine, ricadono nella cosiddetta no tax area.

Per ogni scaglione reddituale viene applicata una diversa aliquota che genera la tassa da pagare. L’imposta, in ogni caso viene ridotta dalle detrazioni che vanno, in questo modo a determinare l’imposta netta.

Ad esempio una detrazione di cui quasi tutti i contribuenti possono fruire è quella legata alle spese mediche che permette di portare il detrazione, appunto, il 19% delle spese mediche e sanitarie sostenute per il contribuente e per i familiari a suo carico. Le detrazioni vengono applicate anche per altre spese, quali a titolo esemplificativo, gli interessi passivi del mutuo, le spese di istruzione dei familiari a carico, le spese funebri,  l’abbonamento ai mezzi di trasporto pubblici ecc…


Leggi anche: Reddito di cittadinanza e bonus Inps autoimpiego: i requisiti

Aliquote Irpef e scaglioni

Anche per il 2020 le aliquote Irpef e gli scaglioni cui sono applicate restano invariate e sono 5. Le aliquote Irpef relative a questi 5 scaglioni variano dal 23% al 43%. Cerchiamo di capire come funzionano e come si calcola l’IRPEF.

Per contribuenti con reddito fino a 15mila euro l’anno l’aliquota corrispondente è del 23% e corrisponde ad una tassazione di 3450 euro per redditi massimi (15mila euro).

Nel secondo scaglione rientrano i redditi compresi tra 15mila e 28 mila euro a cui si applica un’aliquota IRPEF del 27% ma solo per la parte eccedente i 15mila euro (fino a 15mila euro, infatti, l’aliquota applicata è sempre del 23%, quindi 3450 euro + il 27% del reddito eccedente i 15mila euro)

Nel terzo scaglione rientrano i redditi compresi tra 28mila e 55mila euro e l’aliquota applicata è del 38% (l’aliquota del 38%, in ogni caso, si applica solo per la parte eccedente i 28mila euro, fino a 15mila euro si applica l’aliquota del 23%, da 15mila e 28mila euro si applica aliquota del 27%-à 3450 euro da pagare sui primi 15mila euro + 3510 per i redditi tra 15mila e 28mila euro + il 38% dei redditi eccedenti i 28mila euro).

Nel quarto scaglione rientrano i redditi compresi tra 55mila e 75mila euro con un’aliquota IRPEF dl 41% (l’aliquota del 41%, in ogni caso, si applica solo per la parte eccedente i 55mila euro, fino a 15mila euro si applica l’aliquota del 23%, da 15mila e 28mila euro si applica aliquota del 27%, da 28mila a 55mila si applica l’aliquota del 38% -à quindi 3450 euro da pagare sui primi 15mila euro + 3510 per i redditi tra 15mila e 28mila euro + 10260 per i redditi compresi tra 28mila e 55mila euro + il 41% sui redditi eccedenti i 55mila euro).

Nel quinto ed ultimo scaglione rientrano coloro che hanno un reddito superiore ai 75mila euro con un’aliquota del 43%. Come nei casi precedenti l’aliuota corrispondente allo scaglione si applica soltanto per redditi eccedenti i 75mila euro.(quindi quindi 3450 euro da pagare sui primi 15mila euro + 3510 per i redditi tra 15mila e 28mila euro + 10260 per i redditi compresi tra 28mila e 55mila euro + 8200 sui redditi compresi tra 55mila e 75mila euro + il 43% dei redditi eccedenti i 75mila euro).


Potrebbe interessarti: Aire e cambio residenza: cos’è, requisiti iscrizione e cosa significa la sigla

Facciamo un esempio pratico. Un lavoratore dipendente con reddito annuo di 32 mila euro quanto pagherà di Irpef?

Per redditi fino a 28mila euro sono dovuti 6960 euro a cui si deve aggiungere il 38% per i redditi eccedenti i 28mila euro, ovvero su 4mila euro (1520 euro di Irpef) per un totale di 8480 a cui, ovviamente si devono sottrarre eventuali detrazioni e deduzioni.