Anno scolastico 2020/2021: quanto costerà alle famiglie l’inizio della scuola?

-
28/08/2020

Quanto costa mandare a scuola un figlio nell’anno scolastico 2020/2021? Vediamo le spese per il corredo scolastico, i libri di testo ed il trasporto.

Anno scolastico 2020/2021: quanto costerà alle famiglie l’inizio della scuola?

Mentre si discute alacremente per trovare una soluzione sicura per studenti ed insegnanti per la ripartenza dell’anno scolastico in presenza le famiglie, già a fine agosto, dovranno fare i conti con i costi che l’inizio della scuola comporta.

Anno scolastico 2020/2021, quanto costa

Quaderni, zaino, astuccio, diario…le famiglie fanno i conti, come ogni anno, con il corredo scolastico (con l’esclusione dei libri di testo) che rappresenta un onere non indifferente soprattutto quest’anno che le finanze di molti sono provate dall’emergenza sanitaria.

I costi del materiale scolastico quest’anno saranno in media di 540 euro per ogni studente, a cui aggiungere poi, la spesa per il trasporto.

A causa dell’epidemia tuttora in corso molti genitori, pur di non far prendere l’autobus ai figli decideranno di utilizzare l’auto per accompagnarli, e supponendo un tragitto casa scuola di 5 o 10 Km il costo annuo è di 392 euro se si possiede una macchina a benzina, di 361 per auto a gasolio

Per chi, invece, opta per l’abbonamento ai mezzi di trasporto, non potendo accompagnare i figli a scuola con l’auto, avrà una spesa di circa 250 euro annuali.

Per i soli libri di testo più eventuali dizionari la spesa complessiva è di 480 euro per ogni alunno a cui aggiungere la spesa per il corredo scolastico e quella per il trasporto.

Tutti gli anni queste spese rappresentano un onere che pesa sul bilancio familiare ma va ad incidere sul diritto allo studio dei ragazzi a volte anche  compromettendolo. La cosa fondamentale, come sostiene Emilio Viafora, presidente di Federcosumatori, è “predisporre sostegni mirati per tutelare i ragazzi e garantire loro l’accesso alla conoscenza e la possibilità di costruirsi un futuro”.

Come si legge in un comunicato stampa della Federconsumatori “Per aiutare le famiglie ad affrontare tali spese esistono diverse misure, a livello regionale, che prevedono buoni, agevolazioni o gratuità dei testi scolastici per le famiglie con basso reddito. Inoltre, agli istituti scolastici sono state destinati appositi fondi per aiutare oltre 425mila studenti meno abbienti nella dotazione di libri e dispositivi digitali che saranno distribuiti direttamente dalle scuole. Un primo passo importante, ma ancora non sufficiente, per dare un aiuto concreto alle famiglie in difficoltà, specialmente alla luce della grave situazione economica causata della pandemia. In tal senso seguiamo con attenzione gli sviluppi del cd. Family Act che prevederà, tra le altre cose, un assegno unico universale per i figli dalla nascita al ventunesimo anno di età, approvato ieri alla Camera.”