Anticipo TFR dipendenti pubblici per ristrutturare casa, quando è possibile

-
01/07/2019

Anticipo TFR per ristrutturare casa, quando i dipendenti pubblici possono fare domanda? Analizziamo la normativa vigente.

Anticipo TFR dipendenti pubblici per ristrutturare casa, quando è possibile

L’anticipo del TFR non spetta ai dipendenti del pubblico impiego in quanto l’accantonamento avviene in modo figurativo e viene liquidato solo al momento della cessazione del rapporto. I tempi e le modalità sono state chiarite in quest’articolo: TFR dipendenti pubblici: quando verrà pagato? L’anticipo del TFR è stato previsto nel Decreto legge n. 4/2019 per coloro che si apprestano ad andare in pensione e per chi già è in pensione. E’ stata prevista la possibilità di chiedere l’anticipo TFR/TFS per un massimo di 45.000 euro. Al momento la misura è in fase di stallo, in quanto non sono state attuate le convenzioni con l’ABI. 

Anticipo TFR per ristrutturare casa

Un lettore ci pone il seguente quesito: Vorrei sapere per cortesia se, essendo dipendente pubblica (collaboratrice scolastica) posso richiedere l’anticipo del TFR per acquisto e ristrutturazione prima casa e a chi rivolgermi. Grazie.

Quale possibilità?

Anche se i dipendenti pubblici non possono accedere all’anticipo del TFR o TFS, possono ottenere un prestito decennale a tasso agevolato dall’Inps, solo in particolari eventi. Tra gli eventi viene considerato, l’acquisto prima casa o la ristrutturazione di essa. Il prestito agevolato, può essere restituito in 120 rate mensile e il suo importo non può superare un quinto dello stipendio. Nel caso si presentano le condizioni, è possibile stornare il prestito anticipatamente. 

Abbiamo redatto un articolo con tutti i riferimenti e le modalità:  Prestiti INPS (ex Inpdap) per i dipendenti pubblici: guida completa sulla tipologia dei prestiti e i moduli da presentare


Leggi anche: Spid, l’Agenzia delle Entrate rottama le password dall1/10

I dipendenti pubblici che hanno aderito al Fondo Espero, possono chiedere un anticipo per la ristrutturazione della prima casa o l’acquisto. La domanda è possibile solo con l’adesione al fondo da 8 anni.

Consigliamo di leggere: Pensione RITA a 61 anni di età e 20 anni di contributi con il fondo Espero