Anticipo TFS: solo per la quota 100 o per tutta la pubblica amministrazione?

-
11/03/2019

QUali dipendenti statali possono fruire del TFS anticipato, solo quelli che aderiscono alla quota 100 o anche quelli che si pensionano secondo la normativa vigente?

Anticipo TFS: solo per la quota 100 o per tutta la pubblica amministrazione?

Molte le perplessità che la novità introdotta dal DL 4/2019 sull’anticipo TFS. DI difficile interpretazione per i non addetti ai lavori in prima battuta si era compreso che l’anticipo fosse consentito solo a coloro che avessero utilizzato per accedere alla pensione la quota 100 ma non è così, essendo aperta la novità a tutta la pubblica amministrazione.     

  Un Nostro lettore, nel dubbio ci scrive: “Gentilissima redazione, sono a chiedervi, se è consentito  anche a me che casualmente vi ho scoperti solo oggi. Si sa bene ormai che chi va in pensione con la quota 100  prende subito una parte del TFS; chi invece pensa di andare, come il sottoscritto a gennaio prossimo  in pensione con il massimo dell’età pensionabile ha diritto lo stesso a detto anticipo? Distinti saluti e ..grazie per l’eventuale, cortese risposta.”

Anticipo TFS a chi spetta?

L’anticipo del TFS, introdotto per venire incontro ai dipendenti pubblici che accedono alla quota 100 e che altrimenti avrebbero dovuto attendere anni prima di riceverlo, è aperto a tutti i dipendenti pubblici e non solo a quelli che accedono alla pensione con la nuova misura. Il decretone, infatti, chiarisce che possono accedere all’anticipo concesso dalle banche non solo coloro che aderiranno alla quota 100 ma anche ” i soggetti che accedono al trattamento di pensione secondo la normativa vigente, possono presentare richiesta di finanziamento”.

DI conseguenza lei, che accede alla pensione con il massimo dell’età pensionabile (secondo la normativa vigente, quindi) se è un dipendente pubblico, potrà beneficiare dell’anticipo concesso tramite finanziamento delle banche dopo che il DL 4/2019 sarà convertito in legge.


Leggi anche: Canone RAI, per chi evade multa da 600 euro e rischio carcere