Anticipo TFS statali: un nostro lettore interviene in Rai radio 1 Sportello Italia

-
14/01/2020

Un nostro lettore interviene nella trasmissione di RAI radio 1 – Sportelli Italia in tema di anticipo TFS dipendenti pubblici.

Anticipo TFS statali: un nostro lettore interviene in Rai radio 1 Sportello Italia

Un nostro lettore nella trasmissione Rai 1 sportello Italia interviene sul tema del TFS dipendenti portando alla luce un problema che ormai affligge tutti i pensionati. La trasmissione di Rai 1 a cura del Dottor Americo Mancini.

Anticipo TFS: intervento su Rai radio 1 – Sportello Italia

Un nostro lettore ci ha segnalato che è intervenuto nella trasmissione radiofonica di Rai radio 1 – Sportello Italia ieri 13 gennaio 2020, portando alla luce il delicato problema del TFS per i dipendenti pubblici.  

Riportiamo l’intervento del nostro lettore e la risposta dell’esperta

A. B.: “La ringrazio per l’opportuna di mettere in evidenza questa palese ingiustizia nei confronti dei  dipendenti pubblici. Nell’ambito del decreto legge quota 100, era stato previsto che nel limite di 60 giorni doveva essere stipulata da parte dei Ministeri del lavoro e delle Politiche Sociali, una convenzione con le banche per i dipendenti che accedevano a Quota 100;  dovevano poter accedere al TFS con le dovute regole e interessi in maniera anticipata rispetto a quello che prevede la normativa vigente. Invece,  non è successo nulla,  e nessuno ne parla, questa è l’unica maniera che abbiamo per metterla in evidenza, io vorrei una risposta dalle istituzioni, oltre che dalla vostra esperta.”

L’esperta di RAI 1 – Sportello Italia: “ha ragione, infatti l’accordo non è stato ancora sancito e questo doveva permettere un anticipo TFS, rispetto alla tempistica attuale che è di 105 giorni o addirittura da 12/24 mesi a seconda delle modalità di cessazione dal servizio, purtroppo ci sono tempi ancora molto lunghi”.

Precedente intervento di un nostro lettore: Anticipo TFS un diritto: un nostro lettore nella trasmissione “Fuori dal coro”, la delusione

Noi continueremo a pubblicare tutte le vostre proteste, i vostri consigli, affinché la vostra voce arrivi nella giusta sede e venga ascoltata.