Ape sociale proroga 2020: dopo contratto a termine quando c’è diritto?

-
06/01/2020

In quali casi è possibile accedere alla pensione Ape sociale se si è disoccupati per termine di contratto? Vediamo i requisiti.

Ape sociale proroga 2020: dopo contratto a termine quando c’è diritto?

Con la legge di Bilancio 2020 l’Ape sociale è stata prorogata fino al 31 dicembre 2020 e potranno usufruirne tutti colo che, in possesso di almeno 63 anni di età e 30 anni di contributi (o 36 anni di contributi per usuranti e gravosi) che rientrano nelle categorie tutelate. Per i disoccupati è possibile accedere a seguito di scadenza di contratto a termine? La novità, introdotta con l’Ape sociale 2018, permette anche a coloro che sono disoccupati da termine di contratto a tempo determinato di poter fruire della misura a determinate condizioni. Vediamo quali.

Ape sociale dopo contratto a termine

Un nostro lettore ci scrive:

Buonasera,

mi chiamo Luigi G., e vi scrivo per avere informazioni riguardando l’Ape Social.

Il 25 gennaio compio 63 anni, e in totale ho quasi 36 anni di contributi. Sono disoccupato da ottobre 2016 con un contratto a termine di 3 mesi, e al momento percepisco il Reddito di cittadinanza.

Volevo sapere se con questi requisiti posso fare domanda per Ape Social, e se ne ho diritto.

Come abbiamo anticipato anche per scadenza di contratto a tempo determinato è possibile accedere alla pensione con l’Ape sociale a patto che negli ultimi 3 anni che precedono cessazione del rapporto di lavoro almeno 18 mesi siano stati coperti da contratto di lavoro (e da contributi versati derivanti da lavoro).
I 18 mesi di contratto accumulati nei 3 anni precedenti la cessazione del lavoro non si riferiscono, però, soltanto all’ultimo rapporto lavorativo a termine ma a tutti i periodi coperti da un contratto di lavoro dipendente nei 36 mesi precedenti la cessazione del rapporto di lavoro.


Leggi anche: Fondi pensione e previdenza integrativa sempre più importanti: cosa sono, come funzionano

Nel suo caso, quindi, ha diritto all’Ape sociale se, al termine del contratto ha fruito interamente della Naspi spettante e se da ottobre 2013 a ottobre 2016, data del termine del rapporto di lavoro, può vantare almeno 18 mesi coperti da contratto di lavoro dipendente, anche se l’ultimo rapporto di lavoro è durato solo 3 mesi. Se è in possesso, in quei 3 anni indicati, di almeno 18 mesi di contratto di lavoro dipendente può presentare domanda di pensione con Ape sociale non appena saranno pubblicate le modalità e i termini per farlo con la proroga 2020.