Arriva “Esterometro” al posto dello Spesometro, con l’obbligo della fattura elettronica, tutte le novità

Arriva l’ Esterometro dal 1° gennaio 2019 insieme alla fattura elettronica, uno spesometro più leggero, dedicato alle operazioni transfrontaliere. Tutte le novità. 

Arriva l’ Esterometro dal 1° gennaio 2019, è una conseguenza del cambiamento dello spesometro, che diventa più leggero e sarà dedicato alle operazioni transfrontaliere. 

Con l’ Esterometrò sarà obbligatorio comunicare le operazioni con soggetti non residenti e non stabiliti, perchè dal 1° gennaio 2019 parte la fatturazione elettronica per i privati, ma non coinvolge le operazioni con i ‘minimi’ e le operazioni con soggetti non residenti e non stabiliti, anche se identificati ai fini Iva in Italia.

L’ esterometro  va prodotto solo in relazione alle transazioni realizzate nei confronti dei soggetti non stabiliti, ma non solo dai soggetti residenti e stabiliti in Italia, anche dagli identificati. Coordinando il dlgs 127/2015 e la circolare 13/E/2018 delle Entrate emerge che l’esterometro dovrà essere predisposto e inviato solo da soggetti residenti e stabiliti in Italia, ma la comunicazione dovrà comprendere anche le operazioni realizzate nei confronti di soggetti identificati.

Fattura elettronica dal 1° gennaio 2019

Cosa fare per non farsi trovare impreparati all’avvio della fattura elettronica tra privati i contribuenti? Ecco quattri punti chiave: canale di trasmissione, servizi da delegare, QRcode e anagrafiche da aggiornare.

Il contribuente a seconda delle  dimensioni, deve scegliere se attivare o meno un canale di trasmissione o se utilizzare i software gratuiti dell’Agenzia delle Entrate.

Le difficoltà sono tante, e per i più piccoli può essere utile delegare al commercialista l’attivazione dei servizi di consultazione delle fatture, di invio delle fatture o di registrazione di un indirizzo telematico.

Per le partite Iva, la prima cosa da fare è attivare subito è la creazione del QRcode che, contiene i riferimenti fiscali del soggetto e, nel caso di registrazione, l’indirizzo telematico di recapito. L’ultimo passo è quello di aggiornare le anagrafiche clienti e fornitori.

Per conoscere tutte le novità e non farsi trovare impreparati, leggi: Fattura elettronica obbligatoria dal 1° gennaio 2019: vantaggi e svantaggi, tutte le novità

Leggi anche: Spesometro, le nuove scadenze del 2018 in attesa dell’abolizione, tutte le novità

Esterometro

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.