Assegni al nucleo familiare e massimale di reddito

-
26/08/2020

Assegni al nucleo familiare: spettano fino al compimento dei 18 anni se si è nei limiti di reddito previsti dalle annuali tabelle pubblicate dall’INPS.

Assegni al nucleo familiare e massimale di reddito

Gli assegni al nucleo familiare sono erogati dall’INPS alle famiglie dei lavoratori dipendenti e dei pensionati in base al reddito e alla composizione del nucleo familiare. In alcuni casi gli assegni al nucleo familiare spettano anche quando i figli diventano maggiorenni o possono essere richiesti per nipoti a carico. Ma nella maggior parte dei casi sono erogati per i figli a carico di minore età.

Assegni al nucleo familiare e reddito

Un lettore scrive per chiedere:

Buongiorno ,porgo quesito
Ho reddito complessiva di 44.900 euro con 3 componenti familiari, il sottoscritto, moglie a carico e figlia studente che a Marzo 2021 compie 18 anni.
INPS mi dice che non mi spettano assegni familiari per reddito oltre massimale.
– E’ perché la figlia compie 18 anni a Marzo e quindi il nucleo familiare è solo di 2 persone?
– Se è così non mi spetterebbero almeno gli assegni fino a Febbraio 2021?

Grazie per risposta e cordiali saluti


Leggi anche: Censis, il rapporto del 2020 su consumi, ricchezza, società e sussidi di welfare: l’effetto del coronavirus

Agli aventi diritto gli assegni al nucleo familiare spettano fino al mese del compimento della maggiore età e poi, automaticamente vengono sospesi direttamente dall’Istituto.

Ma gli assegni in questione vengono calcolati dall’INPS in base a delle tabelle che tengono conto non solo della composizione del nucleo familiare (3 persone nel suo caso) ma anche dal reddito prodotto da tutti i componenti dello stesso.

Le tabelle riferite al 2020 prevedono l’erogazione dell’ANF (che importo riproporzionato in base a numero di componenti e reddito prodotto) per redditi fino a 72.566 euro annui. Il reddito in questione, però, non deve essere soltanto quello del richiedente ma deve essere preso in considerazione anche eventuale reddito della moglie.

Nel suo caso se il reddito fosse solo quello da lei prodotto le spetterebbe un assegno mensile pari a  44,62 euro mensili e non capisco perchè l’INPS sostenga che lo stesso non le spetti.

Il mio consiglio, a questo punto, è di recarsi all’INPS di persona spiegando che secondo le Tabelle INPS 2020/2021 lei rientra nel massimale di reddito per il quale è prevista l’erogazione dell’assegno al nucleo familiare previsto per famiglie in cui sono presenti entrambi i genitori ed un figlio minore. In ogni caso se continuano a sostenere che il beneficio non le spetta a causa del superamento del reddito limite si faccia, tabelle alla mano, spiegare la motivazione del rifiuto poichè fino al compimento dei 18 anni da parte della ragazza lei ha pienamente diritto alla corresponsione dell’assegno in questione.


Potrebbe interessarti: Pensioni e legge di bilancio 2021, riparte l’indennizzo ai commercianti