Assegni familiari 2019: chi ne ha diritto e la nuova procedura

-
26/06/2019

Nuova domanda per gli assegni familiari 2019. Ecco chi può far richiesta e la nuova procedura

Assegni familiari 2019: chi ne ha diritto e la nuova procedura

Gli assegni familiari, detti anche ANF, sono una forma di sostegno al reddito erogata dall’Inps per tutte le famiglie di lavoratori dipendenti o ai pensionati. L’importo degli assegni viene stabilito in base al reddito dei nuclei familiari facendo riferimento a tabelle che vengono, per legge, stabilite ogni anno. Quindi, anche gli ANF, come molti altri sussidi erogati dall’Inps, vengono assegnati in base alla situazione reddituale della famiglia. 

L’assegno familiare si basa su diversi requisiti, oltre al reddito familiare, varia anche in base al numero dei componenti del nucleo familiare. La domanda degli assegni familiare scadrà il prossimo 30 giugno. Per cui chi vorrà percepire gli assegni familiari dovrà inoltrare domanda dal 1° luglio 2019.

Assegni familiari 2019: i componenti del nucleo familiare

È possibile inoltrare domanda degli assegni familiari per il proprio nucleo familiare, che può essere composto da:

  • Coniuge (non legalmente ed effettivamente separato, divorziato o che abbia abbandonato la famiglia);
  • Figli minorenni o maggiorenni se impossibilitati a dedicarsi ad un lavoro a causa di difetto fisico o mentale o maggiorenni fino a 21 anni se frequentanti una scuola secondaria di primo o secondo grado, un corso di formazione professionale, laurea o apprendisti, o se appartenenti ad un nucleo familiare composto da più di tre figli di età inferiore ai 26 anni;
  • Nipoti, fratelli e sorelle non coniugati minorenni o maggiorenni se (cumulativamente) impossibilitati a dedicarsi ad un lavoro a causa di difetto fisico o mentale, orfani di entrambi i genitori e non titolari di pensione ai superstiti.


Leggi anche: Case all’Asta, boom di pignoramenti immobiliari per il Covid-19: + 63% nel secondo semestre 2020

Assegni familiari: soglie di reddito

L’Inps con la circolare INPS 17 maggio 2019, n. 66 ha determinato i nuovi livelli di reddito su cui determinare l’importo degli assegni. Tali livelli vengono determinati in base alla variazione percentuale dell’indice ISTAT. L’importo base degli assegni familiare è di 137,50 euro per un reddito fino a 1.4701,55 euro.

Il reddito di riferimento per stabilire l’importo dell’assegno è quello di tutti i componenti il nucleo familiare, percepito nell’anno precedente il 1° luglio in cui viene presentata la domanda. Il reddito in questione è valido ai fini dell’assegno fino al 30 giugno dell’anno successivo. Quindi per presentare domanda per gli assegni familiare dal 1 luglio 2019 bisogna prendere come reddito di riferimento quello del 2018.

Assegni familiari 2019: come fare domanda

Dal 1° aprile scorso i dipendenti dovranno presentare le domande ANF direttamente all’INPS in via telematica, collegandosi al sito www.inps.it se in possesso di PIN dispositivo o credenziali SPID ovvero tramite i Patronati.

La modalità cartacea la dovrà utilizzare solo l’operaio agricolo a tempo indeterminato(OTI), utilizzando il modello ANF/DIP (codice SR16) consegnandolo al proprio datore di lavoro.

Assegni familiari: circolare INPS marzo 2019 per la nuova modalità di inoltro domanda. Ecco tutte le novità

Assegni familiari: dipendenti aziende cessate o fallite

Chi invece è dipendente di aziende cessate o fallite dovranno inoltrare la richiesta direttamente all’INPS attraverso:

  • Sito web inps.it accedendo (se dotati di PIN dispositivo o credenziali SPID) alla sezione “Invio OnLine di domande di prestazioni a sostegno del reddito” e successivamente “Funzione ANF Ditte cessate e Fallite”;
  • Contact Center al numero 803.164 da rete fissa o allo 06.164.164 da rete mobile (anche in questo caso è necessario essere in possesso di PIN);
  • Tramite patronati e intermediari INPS (canale accessibile anche per coloro che non hanno il PIN).


Potrebbe interessarti: Superbonus 110%, scadenza sconto in fattura o cessione del credito prorogata al 31 marzo

Assegni familiari 2019:  requisiti e tabelle Inps con gli importi

Fonte: INPS