Assegni familiari per malattia, infortunio e congedo: ecco quando spettano gli ANF

-
12/04/2020

Malattia, maternità, feste, scioperi, periodi di aspettativa: per questi e per altri motivi di assenza retribuita dal lavoro si ha diritto comunque agli ANF

Assegni familiari per malattia, infortunio e congedo: ecco quando spettano gli ANF

Gli assegni per il nucleo familiare (ANF) sono dei validi aiuti economici emessi dall’Inps per alcuni  lavoratori dipendenti o titolari di prestazioni previdenziali e pensioni. I lavoratori ne hanno diritto non soltanto durante i periodi di lavoro effettivamente svolto, ma anche nei periodi di assenza dal lavoro per i quali viene comunque corrisposta una retribuzione. Questi periodi possono essere dovuti a malattia, maternità, congedi parentali, festività e ad altre cause che vi mostriamo in modo completo qui di seguito. 

Assegni familiari in caso di malattia, infortunio e malattia professionale

Per tutto il periodo in cui viene corrisposta l’indennità per malattia, inclusi i periodi di carenza dell’indennità (ovvero i primi 3 giorni di malattia), viene corrisposto anche l’ANF. In caso di infortunio si ha diritto all’ANF per un massimo di 3 mesi, mentre se si verificano diversi periodi di inattività consecutivi per infortunio, malattia o malattia professionale, l’assegno spetta per ciascuno di questi e per la durata massima prevista da ognuno.

Per gravidanza, maternità, congedo parentale e riposi per allattamento

Alle madri lavoratrici dipendenti che hanno avuto un impiego per almeno una settimana nei 30 giorni precedenti la maternità obbligatoria, spetta l’ANF per tutto il periodo di astensione obbligatoria, inclusi i due mesi precedenti il parto e i tre mesi successivi. Gli ANF vengono corrisposti anche in caso di assenza per adozione o affidamento di bambini e durante i riposi per allattamento, che sono considerati ore lavorative. 


Leggi anche: Pensioni anticipate e Legge di bilancio 2021: si punta al contratto di espansione oltre ad APE sociale e Opzione Donna

Riguardo al congedo parentale, i requisiti sono gli stessi e gli ANF spettano per l’intera durata del congedo, incluso quello a ore. Vi ricordiamo che in questi giorni, fino al 13 aprile, potrà essere richiesto un congedo parentale straordinario di 15 giorni anche se si lavora in smart-working.

Assegni familiari durante il congedo per malattia del figlio

Gli Anf sono ammessi anche per questa motivazione, ricordando che questi congedi spettano per i bambini con meno di 3 anni e sono di massimo 5 giorni per i bambini tra i 3 e gli 8 anni.

In caso di ferie e festività

Gli assegni familiari vengono corrisposti durante le ferie e le festività, comprese l’Epifania, S. Giuseppe, l’Ascensione, il Corpus Domini e la festa dei SS. Apostoli Pietro e Paolo, ma sono escluse le domeniche.

Assegni familiari durante i permessi ex legge 104/1992 e durante il congedo straordinario

A coloro che si prendono cura di un familiare con handicap, la Legge 104 concede dei permessi elencati all’art.33 e un congedo straordinario di massimo due anni, durante i quali gli Anf vengono corrisposti.

Assegni familiari per matrimonio

Andando in congedo matrimoniale si ha diritto agli Anf per tutto il periodo di assenza dal lavoro, o solo per i giorni in cui si avrebbe effettivamente lavorato in caso di part-time.

Durante la cassa integrazione e il contratto di solidarietà

Di cassa integrazione si parla molto in questo periodo di emergenza, in cui il dpcm del 17 marzo scorso ha semplificato ed esteso l’accesso alla cassa anche alle imprese più piccole. Ai lavoratori cassaintegrati spetta l’assegno familiare come per i lavoratori ad orario normale e in rapporto al periodo di paga adottato:


Potrebbe interessarti: Bonus ristorazione (Mipaaf) Covid e fondo per la filiera: arriva la proroga al 15/12, ecco le istruzioni con i codici Ateco

  • in misura intera per i periodi di paga con sospensione CIG a zero ore
  • in misura intera settimanale ad esclusione dei giorni di assenza ingiustificata per i periodi di paga a orario ridotto

Ai lavoratori agricoli cassaintegrati, l’assegno viene corrisposto direttamente dall’Inps.

Per quanto riguarda il contratto di solidarietà, il datore di lavoro dovrà erogare gli ANF sia per i giorni di lavoro effettivi che per quelli di integrazione.

Sospensione dal lavoro per motivi disciplinari

Se il lavoratore continua a percepire una retribuzione nonostante una sospensione per motivi disciplinari, ha comunque diritto all’assegno per il nucleo familiare

Assegni familiari e cure termali

Con le cure termali si ha diritto agli ANF quando per queste viene corrisposta l’indennità di malattia o un altro trattamento economico previdenziale a carico dell’Inps

Durante uno sciopero retribuito

Se ci si assenta a causa di uno sciopero per il quale si verrà comunque retribuiti, anche eseguendo del lavoro straordinario, si ha diritto agli Anf.

Permessi e periodi di aspettativa a rappresentanti sindacali a lavoratori chiamati a funzioni pubbliche elettive od a cariche sindacali.

Periodi di aspettativa

Per i periodi di aspettativa e per i permessi retribuiti vengono concessi gli Anf, che saranno erogati dall’Inps o dagli Enti locali presso cui i lavoratori svolgono delle cariche elettive. Gli Anf vengono consegnati dal datore di lavoro anche ai dirigenti di rappresentanze sindacali aziendali e ai lavoratori chiamati a funzioni pubbliche elettive o a ricoprire cariche sindacali provinciali o nazionali . Non spettano assegni per il nucleo familiare qualora si tratti di aspettativa no retribuita per motivi personali.