Assegno mantenimento all’ex coniuge: sospeso anche in caso di nuova relazione

-
24/07/2020

Il diritto all’assegno di mantenimento viene meno nel caso l’ex coniuge si risposi, vada a convivere o instauri una nuova relazione stabile.

Assegno mantenimento all’ex coniuge: sospeso anche in caso di nuova relazione

In sede di divorzio può capitare che all’ex coniuge più debole economicamente (solitamente la moglie) venga assegnato il mantenimento mensile da parte dell’altro ex coniuge. Fino a qualche anno fa i titolari di assegno di mantenimento che iniziavano una nuova relazione evitavano di sposarsi nuovamente proprio per non perdere la somma erogata dall’ex coniuge. Ma negli ultimi tempi la giurisprudenza ha cambiato orientamento al riguardo stabilendo che il diritto viene meno anche nel caso che si instauri una nuova relazione stabile.

Assegno mantenimento e nuova relazione

Partiamo dal presupposto che nessun ex coniuge è contento di continuare a mantenere l’altro anche dopo la conclusione definitiva del matrimonio con la sentenza di divorzio. Soprattutto se al titolare di mantenimento è andata anche l’assegnazione della casa coniugale.

Se, poi, l’ex coniuge nella casa coniugale va a vivere con il nuovo compagno l’ex che versa il mantenimento si potrebbe sentire anche sfruttato.

Per approfondire leggi anche: Assegno di mantenimento non è rendita parassitaria e non spetta all’ex coniuge che può lavorare


Leggi anche: INAIL, i minimali e i massimali retributivi del 2021 restano invariati

Ma se questo fino a qualche anno fa era la normalità ultimamente la Corte di Cassazione ha preso un diverso orientamento affermando che il diritto al mantenimento si perde non solo con un nuovo matrimonio, ma anche nel caso che l’ex coniuge vada a convivere con un nuovo compagno o instauri una relazione stabile.

Perchè questo cambiamento di rotta della Suprema Corte? I Giudici sono abbastanza chiari al riguardo: un ex coniuge decidere con chi andare a vivere e con chi instaurare una nuova relazione ma la responsabilità di come andrà il nuovo rapporto non deve essere posta in carico all’ex coniuge che versa l’assegno di mantenimento. Il rischio della nuova relazione, quindi, deve assumerlo interamente chi la instaura tagliando definitivamente i ponti con la vecchia relazione, per la quale si percepiva il mantenimento.

Avendo scelto con chi convivere si è deciso di costruire una nuova famiglia e i costi da sostenere non devono essere affrontati da chi versa il mantenimento. Anche il diritto alla casa coniugale in caso di nuova relazione si perde (discorso diverso, però, se nella casa coniugale vivono anche i figli nati dall’unione con l’ex coniuge, visto che in questo caso l’assegnazione della casa è ai figli).

In caso di nuova convivenza o di relazione stabile, quindi, il diritto all’assegno di mantenimento viene definitivamente revocato e non può essere ripristinato neanche nel caso la nuova relazione finisca.


Potrebbe interessarti: Pensioni anticipate dai 64 anni: dalla Corte dei Conti stop a quota 100, favorevole a un’opzione di riequilibrio