Assegno Ordinario di Invalidità e pensione: ecco come fare

COme accedere alla pensione anticipata se si percepisce un assegno ordinario di invalidità? Ecco la possibilità.

Assegno ordinario di invalidità e trasformazione in pensione: una questione molto ambigua visto che l’AOI non permette la trasformazione e, di conseguenza, l’accesso alla pensione anticipata ma solo alla pensione di vecchiaia. Molti sono i lettori che ci chiedono delucidazioni in proposito ma la normativa in materia è molto chiara e le vie di fuga abbastanza limitate.

Assegno di invalidità e pensione anticipata

Un nostro lettore ci chiede: 

“Buongiorno

Sono stato un lavoratore del ” privato ” fino al 2009 e un lavoratore ” autonomo ” successivamente.

Dal 1° luglio 2018 percepisco un Assegno Ordinario di Invalidità, avendo appunto una invalidità accertata da INPS e ASL del 85%.

Il 1° gennaio 2019 ho compiuto 63 anni ( ho iniziato il 63esimo anno ) quindi al 31 dicembre 2018 ho finito i 62 anni ed ho 40 anni e 8 mesi di contributi versati ( ho riscattato il periodo di militare e ho qualche settimana ” figurativa ” ).

Quindi, ragionando in termini di quota cento, io sono a quota 102 e otto mesi.

Per il secondo semestre 2018, comunque mi sono versato la quota INPS fissa per la mia  pensione di lavoratore autonomo ( la verso al minimo in quanto non ho altro reddito che l’AOI ). Quindi ho contributi versati fino al 31 dicembre 2018.

Sono a conoscenza del fatto che il periodo di AOI sarà considerato ” figurativo ” ai fini dell’anzianità e che ho diritto a 2 ulteriori mesi, ma vorrei sapere se secondo voi, mi conviene continuare a versare fino allo scadere dei 3 anni di invalidità e se questi versamenti verranno riconosciuti e calcolati nell’ammontare, al momento in cui andrò in pensione. 

Vorrei inoltre capire se e come trasformare l’AOI in pensione.

In attesa di un Vs sollecite riscontro, porgo i miei cordiali saluti.”

Purtroppo, come anticipato sopra, la percezione dell’AOI non permette l’accesso alla pensione anticipata poichè, per la normativa che lo regola tale assegno si trasforma in automatico in pensione di vecchiaia ma non permette l’accesso alle pensioni anticipate.

La pensione quota 100 è una tipologia di pensione anticipata e, quindi, finchè percepisce l’AOI non potrà accedere alla misura. Le soluzioni sono 2: o attende i 67 anni e la trasformazione dell’assegno in pensione di vecchiaia o a luglio del 2021 non rinnova il suo AOI e accede alla quota 100 (con ormai 65 anni…).

Conclusioni

Ma a questo punto le conviene? Se aspetta la trasformazione ha la sicurezza che la futura pensione di vecchiaia non sarà MAI più bassa dell’assegno di invalidità che percepisce, non rinnovandolo e accedendo o alla quota 100 o alla pensione anticipata (fra 2 anni sarà giunto anche ai requisiti per accedere a quella) non avrà questa garanzia.

Il mio consiglio è quello di recarsi a un CAF o un patronato, prima di prendere una decisione per fare qualche simulazione dei relativi importi delle diverse misure.

Leggi anche: Pensione quota 100 e assegno ordinario di invalidità: sono compatibili?

 

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Sono attualmente direttrice responsabile della testata online Investireoggi.it e collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it.Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.