Assegno sociale o pensione sociale: requisiti, redditi, sospensione e importi

-
29/10/2019

L’assegno sociale è una prestazione economica per i cittadini italiani e stranieri, analizziamo: requisiti, importi e reddito.

Assegno sociale o pensione sociale: requisiti, redditi, sospensione e importi

L’assegno sociale ha sostituito la pensione sociale, è una prestazione economica per i cittadini che si trovano in una particolare situazione economica e una soglia di redditi minimi. Sono inclusi nella prestazione sia i cittadini italiani che stranieri. L’assegno sociale ha sostituito la pensione sociale. Analizziamo i requisiti che bisogna avere per fare domanda e quando può essere revocato.

Assegno sociale

Un lettore ci chiede: Buonasera Angela sono M. e ho un problema con INPS. Ho fatto domanda dal maggio 2018 per assegno sociale .respinto e fatto ricorso settembre 2018 con tutta la documentazione possibile ma a tutt’oggi nonostante solleciti molteplici NESSUNA RISPOSTA 

Come posso fare? Sono esausto .La ringrazio.

Prima di procedere alla risposta, esaminiamo quali sono i requisiti che bisogna avere per poter fare domanda, importo e quando viene sospeso

Requisiti

Dal 1° gennaio 2019 per poter accedere alla prestazione dell’assegno sociale, che ricordiamo sostituisce la pensione sociale, per i cittadini italiani e stranieri, bisogna maturato i seguenti requisiti:

  • un’età anagrafica di 67 anni;
  • trovarsi in una situazione di disagio economico;
  • avere la cittadinanza italiana;
  • avere la residenza effettiva, stabile e continuativa per almeno 10 anni nel territorio nazionale.


Leggi anche: Pagamento Imu, calcolo, scadenza e saldo 2020: chi potrà beneficiare della cancellazione per Covid-19

I cittadini stranieri comunitari, oltre ai requisiti esposti,  devono essere iscritti all’anagrafe del comune di residenza e i cittadini extracomunitari devono essere titolari del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo.

Si ha diritto alla prestazione sociale, in base al reddito personale per i cittadini non coniugati e in base al cumulo del reddito del coniuge per i cittadini coniugati.

Limiti di reddito

Il limite reddito per l’assegno sociale nel 2019 è pari a euro 5.824 annui, se coniugato euro 11.649,82 annui. Anche per il 2020 viene confermato l’aumento dell’età assegno sociale a 67 anni, 5 mesi in più rispetto al 2018. 

I redditi da considerare

Sono da considerare nel calcolo del reddito complessivo ai fini della prestazione, i seguenti redditi:

  • i redditi assoggettabili all’ IRPEF, al netto dell’imposizione fiscale e contributiva;
  • i redditi esenti da imposta;
  • i redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d’imposta (vincite derivanti dalla sorte, da giochi di abilità, da concorsi a premi, corrisposte dallo Stato, da persone giuridiche pubbliche e private);
  • i redditi soggetti a imposta sostitutiva come interessi postali e bancari, interessi dei CCT e di ogni altro titolo di stato, interessi, premi e altri frutti delle obbligazioni e titoli similari, emessi da banche e Società per Azioni, ecc.;
  • i redditi di terreni e fabbricati;
  • le pensioni di guerra;
  • le rendite vitalizie erogate dall’INAIL;
  • le pensioni dirette erogate da Stati esteri;
  • le pensioni e gli assegni erogati agli invalidi civili, ai ciechi civili e ai sordi;
  • gli assegni alimentari corrisposti a norma del Codice civile.

Non sono da considerare nel cumulo del reddito annuo per la prestazione i seguenti redditi:

  • i trattamenti di fine rapporto e le anticipazioni sui trattamenti stessi;
  • il reddito della casa di abitazione;
  • le competenze arretrate soggette a tassazione separata;
  • le indennità di accompagnamento per invalidi civili, ciechi civili e le indennità di comunicazione per i sordi;
  • l’assegno vitalizio erogato agli ex combattenti della guerra 1915-1918;
  • gli arretrati di lavoro dipendente prestato all’estero. 

Sospensione dell’assegno sociale

Nel caso in cui il titolare dell’assegno soggiorna all’estero per più di trenta giorni, l’assegno sociale viene sospeso. Dopo un anno dalla sospensione, la prestazione viene revocata. Ricordiamo che l’assegnazione dell’assegno sociale è provvisoria e viene effettuato ogni anno il controllo sul reddito e sulla effettiva residenza.


Potrebbe interessarti: Pensioni, la ricerca Schroders: ecco perché gli italiani sono i più preoccupati d’Europa

Può passare ai superstiti?

L’assegno sociale non è reversibile ai familiari superstiti e non può essere erogato all’estero.

Importo assegno sociale 2019

L’importo dell’assegno sociale cambia ogni anno per effetto della rivalutazione ai fini ISTAT per i trattamenti pensionistici.

Per il 2019 l’importo è di euro 458, 00. 

Assegno sociale 2020: ecco requisiti, importo e come fare domanda

Risposta

Salve, la sua domanda non è completa, bisognerebbe capire come mai non le è stata accettata l’istanza di richiesta dell’assegno sociale. Se ha fatto ricorso con un avvocato, lo stesso dovrebbe sollecitare la pratica all’Inps e capire perché è ferma da più di un anno.

Il mio consiglio è quello di riparlare con l’avvocato che la sta seguendo e di recarsi personalmente presso l’INPS, chiedendo spiegazioni sul blocco della sua pratica. Qual è il problema per il quale non le viene riconosciuto l’assegno sociale.

Se c’è un solo requisito in cui non è riscontrata coerenza con quelli richiesti, la prestazione non le viene riconosciuta.