Assegno unico famiglie: tutto quello che c’è da sapere sulla nuova misura

-
01/09/2020

Assegno unico alle famiglie, vediamo tutte le novità per la misura che dovrebbe essere attiva dal 1 gennaio 2021.

Assegno unico famiglie: tutto quello che c’è da sapere sulla nuova misura

Dopo l’approvazione delle Camere all’assegno unico per le famiglie c’è grande curiosità per questa misura che dovrebbe portare, da quello che vogliono i legislatori, nuovo ossigeno alle famiglie con figli a carico. Contenuto nel Family Act, il nuovo assegno, però, andrà a prendere il posto di molte delle misure attualmente in vigore per il sostegno della famiglia e dei genitori.

Assegno unico per la famiglia

Una novità è che l’assegno spetterò dal settimo mese di gravidanza al compimento dei 21 anni (attualmente l’assegno al nucleo familiare viene erogato dalla nascita al compimento dei 18 anni e solo in casi eccezionali fino ai 21 anni dei figli appartenenti a nuclei familiari numerosi).

Si tratta di uno strumento semplice che porterà un sostegno alle famiglie. Ma la novità assoluta è che l’assegno sarà universale andando a comprendere anche coloro che attualmente sono esclusi dall’assegno al nucleo familiare, ovvero partite Iva e incapienti. Ma universale anche perchè per una quota sarà erogato a prescindere dal reddito del nucleo familiare (mentre una quota sarà calcolata proprio sull’Isee delle famiglie).


Leggi anche: Assegno invalidità (legge 222 del 12 giugno 1984)

Una misura equa che non va a tutelare soltanto, quindi, le famiglie dei lavoratori dipendenti con un certo reddito visto che laddove c’è un figlio c’è dietro una famiglia che lo sostiene.

L’assegno, però, e questa potrebbe essere una nota dolente, è unico perchè andrà a incorporare tutte le misure  attualmente in vigore ma che sono parziali e frastagliate come detrazioni fiscali figli a carico, assegni al nucleo familiare, i vari bonus bebè, bonus mamma domani e bonus famiglia.

L’assegno unico sarà un aiuto che verrà incontro soprattutto alle famiglie numerose visto che per i figli successivi al secondo è prevista una maggiorazione del 20%. Per i figli con disabilità, poi, è prevista l’erogazione dell’assegno per tutta la vita indipendentemente dall’età ed una maggiorazione dal 30 al 50% in base alla gravità della disabilità. La maggiorazione, in ogni caso spetta solo fino al compimento dei 18 anni.

Ad ogni modo l’assegno unico per le famiglie dovrebbe entrare in vigore già a partire dal 1 gennaio 2021.

Per approfondire leggi anche: Assegno unico alle famiglie: arriva il consenso della Camera