Assicurazione RC Familiare auto e moto: novità bonus malus

-
22/02/2022

Assicurazione RC Familiare auto e moto: novità bonus malus

Assicurazione RC Familiare, emergono importanti novità per i sottoscrittori delle polizze in relazione al bonus malus e al passaggio di merito anche per veicoli che risultano già immatricolati. Gli ultimi aggiornamenti hanno fatto il punto della situazione ed esplorato l’impatto sul mercato della possibilità di passare la classe B/M anche attraverso un familiare convivente.

Grazie agli ultimi studi di mercato, si evidenziano gli effetti delle opzioni di risparmio sulla polizza assicurativa in favore di oltre un milione di italiani. La recente modifica normativa sembra stia effettivamente portando verso una ulteriore apertura del mercato, visto che in precedenza era possibile ereditare la classe di merito solo in favore di veicoli di nuova immatricolazione.

La nuova RC Familiare elimina invece questo vincolo. In secondo luogo, per effettuare il trasferimento della classe di merito non è più necessario che i veicoli siano uguali. Ad esempio, diventa possibile effettuare il trasferimento della classe da un’auto a una moto e viceversa.


Leggi anche: Bonus condizionatori 2022: requisiti, come averlo e come funziona

Assicurazione RC Familiare: le novità con l’approvazione del Decreto fiscale

Tenendo presente la situazione appena evidenziata, le novità riguardanti l’assicurazione RC Familiare fanno seguito alla pubblicazione di un nuovo studio eseguito dal sito Segugio.it. Il portale è leader in Italia nella comparazione di polizze assicurative. Tramite i dati in proprio possesso, il sito ha quindi costruito un primo report a due anni dalla riforma del settore.

Grazie ai dati diffusi, è possibile rendersi conto del reale riscontro derivante dall’introduzione dell’assicurazione RC Familiare in Italia, sia per quanto concerne il mercato delle moto che delle auto. Non ci si deve sorprendere se i particolari emergenti risultino significativi, anche considerando la rigidità delle tariffe applicate in precedenza.

In due anni l’RC Familiare applicata a più di 100mila auto e circa 1,3 milioni di moto

È chiaro che la possibilità di risparmio sia stata ben accolta da parte dei possessori di auto e moto. I dati lo evidenziano, visto che l’assicurazione RC Familiare è stata applicata a oltre 100mila polizze auto dal suo arrivo fino al termine del 2021. Mentre per quanto concerne il settore moto, il dato cresce fino a toccare 1,3 milioni di unità.


Potrebbe interessarti: Riforma pensioni 2023: cosa succederà e chi rischia di più

All’interno del comparto moto, dal 2019 al 2021 si è registrata una crescita percentuale del passaggio della classe di merito dal 6,9% al 25,1%. Più contenuto è invece l’impatto sul segmento auto, dove il numero di polizze che ha beneficiato del bonus malus del convivente è passato dal 11,4% all’11,6%.

Come sono cambiate le tariffe nel settore assicurativo per auto e moto

I dati indicati dall’ultima ricerca di mercato mettono in luce importanti aggiornamenti anche in merito al trend delle tariffe dopo l’introduzione della RC familiare. Molti osservatori avevano infatti suggerito un possibile aumento delle tariffe da parte delle compagnie, con l’obiettivo di compensare gli aggiornamenti normativi. Al contrario, nel periodo 2019 – 2021 i premi sono scesi di circa il 20% per le auto e del 33% per le moto.

In aggiunta, il calo dei costi legati alle polizze assicurative non si è concentrato su alcuni clienti in particolare, ma ha coinvolto la totalità del mercato. Le stime indicano che il risparmio medio per i consumatori derivante dall’introduzione dell’assicurazione RC familiare è stato di 200 euro per l’auto e 57 euro per le moto. Con un vantaggio di 21 milioni di euro per il primo comparto e di 74 milioni per le due ruote. E un taglio complessivo di costi per i sottoscrittori corrispondente a circa 95 milioni di euro.