Aumento Iva solo per chi paga in contanti: stangata per chi non usa il bancomat, ecco il piano

-
28/08/2019

Aumento dell’Iva solo per chi paga i contanti, chi usa il bancomat avrà il rimborso nel 2021.

Aumento Iva solo per chi paga in contanti: stangata per chi non usa il bancomat, ecco il piano

Il Mef avrebbe ipotizzato un aumento dell’Iva ma non per tutti in un dossier che prevede un doppio binario che se da una parte favorirà chi usa il pagamento elettronico, sarà una grande penalizzazione per chi utilizza il denaro contante. Per continuare, a dire del viceministro Garavaglia, il contrasto all’evasione l’aumento dell’Iva potrebbe essere un’altro mezzo di controllo.

In cosa consistono i piani del Ministro Tria che attualmente sono allo studio del MEF?

Aumento Iva 2020: il piano del MEF

L’aliquota Iva dal 1 gennaio 2020 passerà dal 22 al 25,2% per la tariffa ordinario e dal 10 al 13 per quella agevolata. Secondo le intenzioni del MEF, però, chi paga con bancomat o carta di credito si vedrà rimborsare la differenza di IVA nel 2021 tramite un rimborso. Chi, invece, paga in contanti si vedrà addebitare l’aumento dell’Iva senza rimborso.

L’ipotesi potrebbe essere accusata di incostituzionalità ma sembra essere l’ipotesi più acclarata per ridurre l’effetto dell’innalzamento dell’odiato balzello.

Quindi, secondo il MEF, dal 1 gennaio 2020 dovremo accollarci tutti l’aumento dell’Iva ma per chi paga in contanti è una specie di prestito poichè la differenza verrebbe restituita nel 2021. La misura ha come scopo quello di far utilizzare il POS ai commercianti per contrastare efficacemente l’evasione fiscale. Per chi paga in contanti, invece, nessun rimborso e aliquota maggiorata.


Leggi anche: Cashback e Super cashback 2021: verso l’accredito del rimborso, info e date su quando arriva

Come funziona il rimborso? Non ci sono ancora certezze al riguardo ma quello che è certo è che per il commerciante ci sarebbe un credito di imposta.

Con l’entrata in vigore della lotteria degli scontrini, potrebbe essere che al consumatore sia richiesto il codice fiscale così come  già è previsto per la detrazione dei farmaci.

Misura incostituzionale?

Come al solito a subire la penalizzazione anche di questa misura saranno le fasce più deboli della popolazione, coloro che, come dice lo stesso Garavaglia, continueranno a pagare il cibo in contanti al mercato.