Auto e moto: documento unico dal 1° giugno, si rischia la radiazione d’ufficio

-
15/06/2020

Auto e moto: dal 1° giugno il Duc – documento unico (carta di circolazione e certificato di proprietà), se non si paga il bollo si rischia la radiazione, le novità

Auto e moto: documento unico dal 1° giugno, si rischia la radiazione d’ufficio

Dal 1° giugno per auto e moto è entrato in vigore il documento unico di immatricolazione, passaggio di proprietà o reimmatricolazione; si chiama Duc e sostituisce il certificato di proprietà e la carta di circolazione. Dal 15 giugno il Duc sarà in vigore anche per i mezzi pesanti e i veicoli in noleggio e in leasing. Vediamo tutte le novità e cosa si rischia a non pagare il bollo auto. 

Auto e moto: Duc dal 1° giugno

Il Duc consiste in un documento unico di circolazione, il suo aspetto non è diverso dalla libretto di circolazione e contiene tutti i dati del certificato di proprietà, soppresso definitivamente. Il Duc terminerà il suo iter transitivo ad ottobre, ma la situazione oggi a causa del coronavirus è molto complessa, non si esclude una proroga.

La Riforma in atto dal 2015

La riforma che ha introdotto il Duc è in atto dal 2015 con l’articolo 8 della riforma Madia della pubblica amministrazione (legge 124/2015). Il tutto per semplificare le procedure e risparmi significativi per gli utente con l’abolizione del PRA. Ma poi, subito si è fatto un passo indietro lasciando il PRA al suo posto, introducendo il Duc come documento unico (carta di circolazione e certificato di proprietà). Inoltre, se il contribuente non paga il bollo auto per tre anni consecutivi è possibile procedere alla radiazione d’ufficio, come previsto dal Codice della strada.


Leggi anche: Assicurazione RC Auto e Moto: verso lo stop della sospensione

Le nuove procedure dal 6 maggio attive

Le procedure attive dal 6 maggio nelle nuove pratiche di radiazione dal Pra e minivoltura.

La fase più importante è iniziata dal 1° giugno 2020: il documento unico (Duc) per autovetture e altri mezzi leggeri di nuova immatricolazione o se si procede con il passaggio di proprietà o la reimmatricolazione. Sono esclusi i veicoli in noleggio o leasing o importazione parallela.

Auto e moto: dal 15 giugno il Duc sarà attivo anche per le importazioni parallele.

Poi dal 31 ottobre, con un calendario ancora da decidere, toccherà anche per i mezzi pesanti e i veicoli in noleggio e leasing