Auto e Reddito di cittadinanza: il blocco di 1.600 c.c. vale per tutti i componenti del nucleo familiare?

-
18/06/2019

Reddito di cittadinanza: criticità e limiti sul blocco auto di 1.600 c.c., ecco di cosa si tratta.

Auto e Reddito di cittadinanza: il blocco di 1.600 c.c. vale per tutti i componenti del nucleo familiare?

Nel Reddito di cittadinanza esiste un vincolo ben preciso sugli autoveicoli, infatti, non è possibile possedere o avere disponibilità di veicoli immatricolati per la prima volta nei sei mesi precedenti alla richiesta del RDC di cilindrata superiore a 1.600 cc o  immatricolati per la prima volta nei due anni precedenti. Abbiamo trattato l’argomento in quest’articolo: Reddito di cittadinanza: se acquisto un’auto, mi viene tolto?

In base a quest’articolo un lettore ci chiede se il vincolo sussiste anche per i componenti del nucleo familiare. 

Reddito di cittadinanza: limiti anche per i componenti del nucleo familiare? 

Salve, volevo porvi una domanda che fin’ora nessuno ha saputo spiegare, ho visto un vostro quesito simile al mio, a differenza che a fare il reddito di cittadinanza è stato mio padre con un esito positivo, io faccio parte del nucleo famigliare (sono il figlio) ultimamente ho trovato lavoro prima dell’esito della domanda è già la variazione è stata fatta. In base al mio lavoro devo acquistare una macchina usata anno 2008 di cilindrata 1965cc. Volevo sapere visto che nessuno sa dirmi qualcosa, se posso acquistarla tranquillamente senza danneggiare la mia famiglia sul reddito di cittadinanza. Aspettando con ansia la vostra risposta cordiali saluti.


Leggi anche: Pace fiscale 2021, il governo punta al decreto Sostegno: dalla proroga della rottamazione ter al saldo e stralcio, fino alla cancellazione dei debiti da 5mila euro

Acquisto auto e Reddito di cittadinanza

Il decreto legge che ha reso operativo il Reddito di Cittadinanza contiene vincoli ben precisi per poter far domanda, in particolare esclude  i soggetti che posseggono un’auto di cilindrata superiore a 1.6 cc immatricolata per la prima volta da due anni. Il limite riguarda sono le auto di nuova immatricolazione, mentre sembrano escluse le auto usate o a Km zero, in quanto il decreto parla di prima immatricolazione, quindi, solo quelle nuove. Il testo del decreto riporta che nessun componente della famiglia deve essere intestatario di un veicolo di cilindrata superiore a 1.600 c., immatricolata per la prima volta da meno di due anni. 

Se lei non fa parte più del nucleo familiare, allora può acquistare tranquillamente l’auto che desidera, viceversa, il decreto è restrittivo anche per i componenti del nucleo familiare e stabilisce un tetto di cilindrata pari a 1.600 c.c.