Avviso di selezione CPI: Ministero della giustizia assume 109 autisti, ecco il bando

-
17/01/2020

Avviso di selezione mediante chiamata dai centri per l’impiego (L. 56/87 art. 16) per assunzione 109 autisti nel Ministero della giustizia. Ecco il bando.

Avviso di selezione CPI: Ministero della giustizia assume 109 autisti, ecco il bando

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale, serie speciali concorsi ed esami n.4 del 14/01/2020, l’avviso di selezione mediante avviamento degli iscritti ai centri per l’impiego per assumere 109 conducenti di automezzi per alcuni uffici giudiziari. Vediamo come partecipare a questo avviso.

Avviso di selezione Ministero della giustizia: 109 autisti, posti disponibili

Il Ministero della giustizia ha pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.4 del 14 gennaio 2020, un avviso di selezione per assumere, mediante chiamata di avviamento degli iscritti nelle liste di cui all’art. 16 legge 28 febbraio 1987, n.56, 109 unità di personale non dirigenziali, per il profilo professionale di conducente di automezzi, area funzionale II, posizione retributiva F1. Le risorse saranno assunte a tempo pieno e indeterminato per la copertura di posti vacanti in uffici giudiziari aventi sede nelle Regioni Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Liguria, Lombardia, Puglia, Sicilia, Toscana, secondo quanto previsto dalla Tabella A, allegata al bando.

Requisiti per l’avviamento a selezione

Gli iscritti nelle liste di cui all’art.16 della legge 28 febbraio 1987, n.56, possono partecipare alla selezione se alla data di pubblicazione dell’avviso in Gazzetta Ufficiale n.4 del 14/01/2020, sono in possesso dei requisiti così riassunti:

a)cittadinanza italiana;

b)età non inferiore a 18 anni;

c)diploma di scuola media inferiore (licenza media);

d)idoneità fisica  e psichica alla guida;

e)qualità morali e di condotta;

f)godimento dei diritti civili e politici;

g)non essere stati esclusi dall’elettorato attivo;

h)non essere stati destituiti, dispensati, decaduti da impiego presso una pubblica amministrazione, né aver riportato condanne penali;

i)posizione regolare nei riguardi degli obblighi di leva, per gli iscritti di sesso maschile nati entro il 31/12/1985.


Leggi anche: Bonus Natale 2020, in arrivo un cashback da 150 euro: cos’è, come funziona e come ottenerlo

Avvio a selezione e graduatoria

Entro 30 giorni dalla pubblicazione dell’avviso nella Gazzetta Ufficiale, l’ufficio del personale del Ministero della giustizia inoltra alle Regioni di riferimento dei CPI, la richiesta di avviamento a selezione di lavoratori pari al doppio dei posti da ricoprire. Le Regioni e, quindi, i centri per l’impiego, entro 60 giorni, salvo motivato impedimento, procedono ad avviare a selezione i lavoratori nel numero richiesto. Infine, per ciascuna provincia sarà formata una singola graduatoria comprensiva di un numero di candidati pari al doppio dei posti da coprire.

Formazione della graduatoria

I centri per l’impiego comunicheranno alle corti di appello competenti gli elenchi dei nominativi avviati a selezione, secondo l’ordine di graduatoria e il punteggio ottenuto. Infatti, nella graduatoria sarà riportato:

  • nominativo dei lavoratori;
  • punteggio ottenuto sulla base della normativa regionale;
  • eventuale punteggio aggiuntivo ai sensi dell’art. 5 del bando;
  • eventuale riserva dei posti ai sensi dell’art. 8 del bando.

Gli ultimi due punti sono importanti, perché generano molta confusione. L’articolo 5 del bando, punteggio aggiuntivo, si riferisce ai tirocinanti che hanno maturato titoli di preferenza per aver svolto un periodo di lavoro presso gli uffici giudiziari. Invece, l’articolo 8, riguarda la riserva dei posti in favore dei volontari delle Forze armate. In entrambi i casi, è necessario che gli iscritti siano in possesso della certificazione adeguata che andrà consegnata nel momento della selezione.

Selezione e prova di idoneità

La selezione consiste in un colloquio e in una prova pratica. Il colloquio accerta l’idoneità del lavoratore a svolgere mansioni proprie del profilo professionale di conducente di automezzo. La prova pratica, invece, ha come oggetto i seguenti argomenti:


Potrebbe interessarti: TIM, offerta imperdibile per bonus 500 euro: Oltre al tablet si potrà scegliere anche il PC

  • accertamento della conoscenza delle norme sulla circolazione stradale,
  • verifica del possesso di capacità di guida adeguata rispetto alla natura del servizio e alle caratteristiche degli autoveicoli in dotazione al Ministero.

Infine, saranno le corti di appello ad avvisare, mediante raccomandata, i lavoratori presenti nelle graduatorie della data e della sede dei colloqui e della prova di idoneità.

Assunzione in servizio

I lavoratori selezionati saranno assunti nel ruolo di conducenti di automezzi ed sono tenuti a permanere nella sede di destinazione per un periodo non inferiore di 5 anni. La sede verrà assegnata al momento dell’accettazione del contratto di lavoro.

Per ulteriori informazioni, bisogna attendere la pubblicazione degli avvisi di selezione da parte dei centri per l’impiego.

Leggi anche: Anticipo TFS: la convenzione è in atto ma non per tutti. L’ennesima ingiustizia