Bancomat Pay mobile, si potrà pagare con il numero di cellulare, le novità

-
03/08/2018

Pago Bancomat, ecco la novità in arrivo entro l’autunno

Bancomat Pay mobile, si potrà pagare con il numero di cellulare, le novità

Nasce il servizio che consentirà ai titolari di carte PagoBancomat, di pagare sia nei negozi che online, sarà possibile inviare e ricevere denaro in tempo reale, e tutto questo da una semplice applicazione per il proprio smartphone. Come funziona e cosa dobbiamo fare

Basta scaricare l’app Jiffy sullo smartphone, questo servizio digitale, permetterà a 37 milioni di italiani a fare qualsiasi tipo di pagamento, ricevere e inviare denaro, utilizzando come pin il proprio numero di cellulare.

POS: niente sanzioni per chi non accetta pagamenti con Bancomat e Carta di Credito

Quando sarà attivo il servizio e chi può usufruire della grande novità?

Il servizio è totalmente sicuro si sarà attivo entro la fine di quest’anno. I titolari di PagoBancomat potranno usufruire di un servizio realizzato per semplificare il metodo di pagamento sia nei store che online. Una volta registrarti sulla piattaforma dell’app Jiffy, gli utenti non dovranno più fare nulla. Ogni qualvolta che gli utenti della carta PagoBancomat dovranno fare un pagamento useranno il proprio numero di telefono come pin della carta.

images (13)Nicola Cordone, CEO di Sia, dichiara che questo accordo “con Bancomat e l’importante trasformazione digitale dello strumento di pagamento più utilizzato dagli italiani rappresenta il compimento di un percorso avviato da Sia da molti anni al fianco del sistema bancario italiano nell’ideazione e realizzazione di servizi innovativi. Abbiamo investito molto su Jiffy, insieme a oltre 130 banche che già lo utilizzano, e da oggi rendiamo disponibili le sue funzionalità innovative al Bancomat per favorire la digitalizzazione e rendere più efficiente il sistema Paese”.

Il servizio, dopo la definitiva attivazione, potrà essere utilizzato da tutti gli utenti in possesso di carta PagoBancomat e di tutte le altre banche aderente al servizio.

Sembrerebbe che il servizio è la più importante trasformazione digitale di pagamento, utilizzato da milioni di italiani, ma al momento non sono note tempistiche più precise.


Leggi anche: Canone RAI ancora in bolletta: chi deve pagarlo e come chiedere l’esenzione