Banconote in lire rare: vediamo quali possono avere un buon valore

-
24/11/2019

Ci sono banconote in lire che possono avere anche valori molto alti: vediamo quali sono le banconote più ricercate dai collezionisti.

Banconote in lire rare: vediamo quali possono avere un buon valore

Molti sono gli italiani che rimpiangono la Lira, forse anche a causa della crisi che molte volte viene imputata all’introduzione dell’euro. Ma non tutti sanno che le nostre care, vecchie lire possono avere un valore interessante ancora oggi. Abbiamo affrontato in diversi articoli il valore delle monete in lire che possono essere considerate antiche e rare, ed in questo articolo, invece, affronteremo il tema della banconote in lire.

Banconote in lire rare: quali sono?

Le banconote in lire che sono maggiormente ricercate dai collezionisti sono in particolar modo quelle molto grandi, chiamate, appunto, “lenzuoli” che per essere conservate nel portafogli andavano piegate più volte. Proprio per questo motivo trovare una di queste banconote in stato di conservazione buono è molto difficile: laddove la banconota veniva più volte piegata dopo uno scambio, infatti, tendeva a produrre pieghe marcate e a volte anche buchi.

Per esempio la banconota da 5000 lire del 1963, se in buono stato, e anche in presenza di piegature che non hanno alterato il colore o la consistenza della banconota,  può valere fino a 350 euro, Se la banconota fosse fior di stampa (così come uscita dalla zecca, senza piegature,) il valore potrebbe arrivare anche fino a 3000 euro.


Leggi anche: Pensioni, pagamento anticipato di febbraio 2021: si parte il prossimo 25 gennaio 

Nella cartamoneta, oltre alla conservazione migliore, quello che viene cercato è anche la variante del numero di serie: se presenta, per esempio, numeri consecutivi uguali in numero pari o maggiore a 4, la banconota potrebbe avere un valore maggiore proprio in virtù della sua rarità.

Molto interesse è mostrato anche nei confronti delle serie sostitutive: quando una banconota si rovina, infatti, viene ritirata e al suo posto ne viene emessa un altra con un numero di serie particolare,  che di solito inizia per X o W per fare in modo che dalla stessa mazzetta non ci siano mancanze.

Il valore delle banconote con lettere sostitutive dipende molto dal taglio della banconota:  ci sono banconote che valgono 50 euro ma alcune posso arrivare a valere anche 2000 euro. Per questo vi consigliamo sempre di rivolgervi ad un esperto per la valutazione della banconote in vostro possesso.