Bollette luce, acqua e gas non pagate: niente distacco per i morosi fino a 13 aprile

-
03/04/2020

Più tempo per pagare le bollette: distacchi, limitazioni e sospensioni non ci saranno fino al 13 aprile.

Bollette luce, acqua e gas non pagate: niente distacco per i morosi fino a 13 aprile

Inizialmente l’Arera aveva sospeso i distacchi per i cittadini morosi per bollette di luca, acqua e gas, fino al 3 aprile, ultimo giorno di valida del provvedimento adottato a marzo.

In base, però, all’ultimo provvedimento del Governo che proroga la chiusura del Paese fino al 13 aprile, l’Autorità che regola l’energia e l’ambiente e reti, ha prorogato la sospensione del distacco dei morosi fino al 13 aprile adeguandosi alle decisioni del governo.

Tutte le eventuali procedure di sospensione delle forniture di acqua, luce e gas, quindi, saranno bloccate fino al 13 aprile. La misura riguarda sia i privati cittadini che le imprese: tutti avranno, quindi, più tempo per regolarizzare i pagamenti non effettuati senza rischiare la sospensione del servizio o il distacco.

Sarà possibile, in ogni caso, seguendo le specifiche regole, rateizzare gli importi non pagati e oggetto di costituzione in morta.

Distacchi per morosità luce: per le bollette dell’energia elettrica il distacco per morosità riguarda i clienti a bassa tensione.

Distacchi morosità gas: per le bollette del gas  il distacco per morosità riguarda i clienti con consumi che non superano i 200mila metri cubi l’anno.

Distacchi morosità acqua: per le bollette della fornitura idrica, invece,  il distacco per morosità riguarda tutti i clienti domestici e non domestici.

Per gli enti che forniscono il servizio, inoltre, vi è l’obbligo di riallineare e ripristinare tutte le forniture (sia di acqua che di luce, che di gas) sospese, limitate o disattivate a partire dal 10 marzo 2020 e fino al 13 aprile dello stesso anno.

Sospensione pagamento bollette

Si ricorda, inoltre, che quanto previsto dal decreto numero 9 /2020, ovvero la sospensione del pagamento della bollette a causa del coronavirus riguarda solo e soltanto gli 11 Comuni individuati come zona rossa dallo stesso decreto, ovvero:  Bertonico, Casalpusterlengo, Castelgerundo, Castiglione d’Adda, Codogno, Fombio, Maleo, San Fiorano, Somaglia, Terranova dei Passerini e Vo’