Bollette luce e gas: a luglio sorpresa in bolletta, aumenti e sconti

-
06/07/2020

Sorpresa nelle bollette luce e gas di luglio, tra aumenti e sconti ecco le novità delle voci in bolletta che saranno modificate.

Bollette luce e gas: a luglio sorpresa in bolletta, aumenti e sconti

Le bollette di luce e gas nel mese di luglio cambieranno secondo l’ultimo aggiornamento fornito dall’Arera, partendo dai costi di approvvigionamento fino alla gestione del contatore. Analizziamo nel dettaglio le voci che per le bollette elettriche si prevede un aumento e in alcuni casi una riduzione.

Bollette luce e gas, la sorpresa di luglio 

L’ultimo aggiornamento fornito dall’Arera, arrivato qualche giorno fa, prevede: per le bollette elettrice di luce e gas per le famiglie in maggior tutela, per l’elettricità un aumento del 3,3%e e per il metano una diminuzione del 6,7. Ma come incidono questi aumenti sulle bollette?

Bollette luce: aumenti

L’incidenza sul prezzo di luglio per famiglia tipo è di 16,61 centesimi di euro per kilowattora con un aumento dei costi di dispacciamento. 

In particolare sulla bolletta ad aumentare sono i costi di approvvigionamento: 4,31 centesimi, circa il 13 per cento in più rispetto il secondo trimestre. Restano invariati i costi della commercializzazione al dettaglio. Nessun cambiamento di importo per gli oneri di sistema. Aumentano di poco le tasse riferite all’Iva e alle accise, che nelle bollette di luglio, rilevano un aumento del 2,32 centesimi, di poco sopra il valore del trimestre precedente di 2,28.

Prezzo del gas in discesa

Le bollette del gas scendono del -6,7 per cento. Il prezzo ha subito un ribasso determinato dalla riduzione della spesa totale della materia naturale del – 7 per cento, la discesa è collegata anche ai costi di approvvigionamento del gas. Quindi, le bollette del gas da 1° luglio 2020 di circa 60,22 centesimi di euro. 

Nel dettaglio la bolletta del gas riporta un costo di approvvigionamento di circa 11,34 centesimi, circa il -25,3 per cento rispetto al secondo trimestre. Viceversa crescono i costi di gestione del contatore e di trasporto del 13,92 centesimi, circa l’1,2 per centro rispetto al trimestre precedente. Non subisce variazione la voce oneri di sistema, mentre in riferimento alle imposte, complessivamente è di 26,46 centesimi, di poco inferiore al trimestre precedente con un valore di 27,11 centesimi. 


Leggi anche: Spid, l’Agenzia delle Entrate rottama le password dall1/10