Bollo auto 2018: è possibile l’esonero del fermo amministrativo?

-
03/11/2018

Ci sono alcuni casi in cui il fermo amministrativo non può essere eseguito: vediamo quali

Bollo auto 2018: è possibile l’esonero del fermo amministrativo?

Il fermo amministrativo è un provvedimento che scatta nel momento in cui non si paga il bollo auto, anche dopo aver ricevuto la notifica dalla Riscossione. Il fermo amministrativo riguarda il blocco di un bene immobile, in questo caso è l’auto. Questo può essere applicato da una amministrazione o da un ente competente, nel caso del bollo auto non pagato il corrispondente è la regione a cui va versata la tassa sull’auto. In alcuni casi, però, è prevista l’esonero del fermo amministrativo

Bollo auto 2018: ecco quando è previsto l’esenzione fermo amministrativo

L’esonero dal fermo amministrativo si può ottenere per due casi specifici. Si era pensato che l’esenzione si poteva avere soltanto dichiarando che la propria auto è necessaria per recarsi al lavoro, ma in realtà non è proprio così semplice. L’esenzione del fermo amministrativo riguardano due specifiche situazione, vediamo quali.

Se riguarda un veicolo strumentale all’esercizio dell’attività di impresa o professionale. Quindi se è un’auto o un veicolo che risulta necessario per lo svolgimento dell’attività professionale e che può incidere sulla retribuzione stipendiale spettante. Quindi chi non può fare a meno dell’auto per lavorare si dove considera esente dal fermo amministrativo.

L’altro caso in cui si è esenti del fermo amministrativo è quando l’auto, che rischia il provvedimento di fermo, è intestata a portatori di handicap con contrassegno di invalidità con riferimento alla legge 104.


Leggi anche: Pensioni e legge di bilancio 2021, riparte l’indennizzo ai commercianti

bollo auto

Bollo auto 2018: ulteriori informazioni per il mancato pagamento e il fermo amministrativo

Informazione a riguardo al fermo amministrativo è che esso viene eseguito con l’iscrizione del provvedimento nel Pubblico Registro Automobilistico o PRA. Il fermo amministrativo resta in vigore fino a quando non si paga il debito e il provvedimento non venga cancellato dal PRA. Tale provvedimento impedisce la circolazione del veicolo, ma non impedisce il pagamento del bollo, perché questo non riguarda la circolazione dell’auto ma la sua proprietà.

Nel caso in cui si circola con un veicolo sottoposto a Fermo amministrativo si può incorrere in una multa che può partire da €760 fino ad arrivare a €3111.

Bollo auto 2018: è possibile il pagamento frazionato?