Bollo auto auto, sconti con pagamento in conto corrente e legge 104

Per il bollo auto è possibile usufruire di uno sconto anche senza esenzioni, ciò non è possibile in tutte le regioni. Ma molto presto lo sarà.

Per il pagamento del bollo auto ci sono molte novità sulla metodologia, infatti le regioni, insieme allo stato stanno cercando di evolvere il metodo di pagamento del bollo auto, facendo un passo verso la rete, come ad esempio la possibilità di pagare on-line con la modalità PagoPa. Questo servizio è possibile pagare con cellulare e smartphone e si possono usufruire di molti servizi, come il pagamento di multe, tasse e altro ancora.

In Lombardia è possibile usufruire di uno sconto del 10% sul pagamento del bollo auto, grazie alla domiciliazione bancaria. Infatti da pochi mesi gli automobilisti che decidono di farsi addebitare l’importo del bollo auto sul proprio conto corrente riceveranno uno sconto sull’importo da pagare.

Dal 15 novembre i cittadini lombardi potranno chiedere la domiciliazione in conto corrente del pagamento del bollo aut, fruendo della riduzione del 10% per ciascun periodo di imposta.

A tale beneficio possono aderire le seguenti categorie di persone:

  • le persone fisiche residenti in Lombardia, anche iscritte A.I.R.E., proprietarie di uno o più veicoli o locatarie dal 1 ° gennaio 2017;
  • persone fisiche che pagano per conto del proprietario o locatario dell’auto come un parente o un convivente;
  • persone giuridiche pubbliche o private. La regione Lombardia specifica che la domiciliazione bancaria è attivabile solo per 50 veicoli. Le imprese con più veicoli di 50 veicoli possono usufruire dell’agevolazione con il pagamento cumulativo.

Nel caso in cui l’auto è cointestata la richiesta di domiciliazione bancaria potrà essere effettuata dal soggetto il cui nome è riportato per primo sul libretto di circolazione.

Bollo auto con lo sconto

Bollo auto con parente con legge 104, è possibile avere l’esenzione?

Bollo auto e esenzione per legge 104/1992

Il bollo auto potrà essere non pagato da chi usufruisce dalla legge 104, sia il disabile che i familiari accompagnatori.

Il disabile o il familiare che lo ha in carico per usufruire dell’agevolazione deve presentare una domanda alla Regione di residenza. Alla domanda dovrà essere correlata da idonea documentazione.

Bollo auto: chi può chiedere l’esenzione

Non tutte le categorie di disabili possono usufruire dell’esenzione bollo, possono fare richiesta i soggetti affetti da:

  • disabilità con patologia che comporta ridotte o impedite capacità motorie permanenti;
  • disabilità grave o con pluriamputazioni;
  • disabilità per la quale e stata riconosciuta l’indennità di accompagnamento;
  • disabilità per cecità o sordità.

Bollo auto e esenzioni: documenti d’allegare alla domanda

Nel caso in cui il disabile appartenga alle categorie elencate nell’art. 3 comma 3 della legge 104, può chiedere l’esenzione del bollo auto solo se appartiene ad una delle seguenti categorie:

  • Disabilità con grave limitazione della capacità di deambulazione o affetti da pluriamputazioni;
  • Il disabile deve possedere un certificato che accerti il suo stato di handicap, effetto da patologie con grave limitazione di deambulazione o affetti da pluriamputazioni.

Per poter usufruire dell’esenzione, anche il veicolo deve essere sempre nei limiti di cilindrata previsti, con limitazione di cilindrata fino a 2000 cc per i veicoli a benzina e fino a 2800 cc per i veicoli diesel.

La documentazione da allegare alla domanda di esenzione è costituita da:

  • Copia della carta di circolazione;
  • Copia del verbale di accertamento dell’handicap emesso dalla Commissione medica presso la ASL di cui all’art. 4 della legge n.104/1992 dal quale risulti che il soggetto si trova in situazione di handicap grave ai sensi dell’art. 3 comma 3 della legge 104/1992 per patologie che comportano una grave limitazione della deambulazione o da pluriamputazioni;
  • Copia della documentazione o dichiarazione sostitutiva di certificazione che attesti che il disabile è fiscalmente a carico dell’intestatario del veicolo.

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.