Bollo auto e pace fiscale: la Regione decide uno sconto del 30%

Bollo auto incluso nella pace fiscale, la Regione decide per uno sconto del 30%. Ecco le novità

La strada della pace fiscale viene scelta dalla Regione al riguardo del mancato pagamento del bollo e non solo. Infatti la Giunta della Regione Lombardia ha deliberato la possibilità di concedere uno sconto a chi ha ricevuto un avviso di mancato pagamento del bollo auto o della tassa sulle concessioni, cioè la tassa che va corrisposta per poter aprire un esercizio pubblico o alcune tipologie di attività.

Bollo auto e la pace fiscale: sconto del 30%

C’è tempo fino al 15 settembre 2019 per far richiesta di adesione alla procedura della definizione agevolata delle ingiunzioni per ottenere uno sconto del 30% sulla intera somma dovuta alla Regione. Ciò che viene escluso dal pagamento è l’importo relativo alla sanzione. Infatti, facciamo presente che l’importo totale dell’ingiunzione di pagamento è dato da tre elementi: l’importo del bollo auto o della tassa di concessione, l’importo della mora maturata e, dall’importo della sanzione. Ed è proprio quest’ultimo ad essere cancellato per chi sceglierà la definizione agevolata delle ingiunzioni. Grazie ad una sentenza della Corte di Cassazione, di aprile, che è stato possibile includere nella pace fiscale anche gli importi del bollo auto.

È da far presente che lo sconto potrà essere concesso solo per le ingiunzioni relative al 2013 e al 2014, comunque solo per quelle notificate entro il 31 dicembre 2017. Le ingiunzioni che possono beneficiare dello sconto sono più di 400 mila, ha fatto presente l’assessorato regionale al Bilancio. Di conseguenza, l’importo complessivo delle ingiunzioni si aggira intorno ai 90 milioni di euro.

Bollo auto e la pace fiscale: il nuovo sollecito

Per la fine di luglio gli interessati riceveranno un sollecito di pagamento, o da Publiservizi Srl o dalla stessa Regione Lombardia. Con una sintesi del debito maturato e le relative istruzioni per presentare domanda di adesione alla definizione agevolata. Il 15 settembre è la data di scadenza per poter presentare istanza. Entro il 31 ottobre il contribuente riceverà l’importo complessivamente dovuto al netto delle sanzioni. Tale importo dovrà essere pagato in un’unica soluzione entro il 30 novembre.

Inoltre, chi ha presentato già ricorso contro la cartella esattoriale, per poter usufruire dello sconto solo se rinuncia al contenzioso. Nel caso in cui la cifra da pagare è significativa, può essere richiesta la rateizzazione, con un importo minimo della rata di 50 euro e con un tasso di interessi pari al 2% annuo, da calcolare dal 1° dicembre 2019.

L’assessorato regionale al Bilancio ricorda che comunque è sempre possibile pagare il bollo auto con la domiciliazione bancaria, risparmiando il 10% dell’importo e non ricorrendo in questo modo nelle sanzioni per il mancato pagamento.

Bollo auto storiche: riduzione del 50%, cosa cambia dal 2019? Le ultime novità

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.