Bollo auto non pagato è possibile accedere alla pace fiscale nel 2019?

Se non è stato pagato il bollo auto non pagato è possibile accedere alla pace fiscale nel 2019, con sconti su more e interessi?

Se non è stato pagato il bollo auto e non si è aderito alla Rottamazione cartelle esattoriali, è possibile aderire alla pace fiscale? E’ la domanda che ci ha posto un nostro lettore, analizziamo cosa prevede la pace fiscale e quali debiti potranno essere inseriti.

Che cos’è la pace fiscale?

La Pace fiscale 2019, proposta del Movimento 5 stelle consiste in un piano di riduzione di imposte, sanzioni ed interessi che gravano su cittadini, professionisti e imprese che hanno dei contenziosi con l’Agenzia delle Entrate Riscossione. La proposta articola la pace fiscale in tre diversi livelli di intervento:

  • fase precedente all’accertamento fiscale vero e proprio;
  • fase successiva all’accertamento, con l’obiettivo di ridurre in modo importante i contenziosi potenziali;
  • fase del contenzioso tributario.

Nei tre livelli di operatività, la pace fiscale prevedrà sconti su imposte, sanzioni ed interessi tenendo conto di due elementi fondamentali, la capacità economica del contribuente e la probabilità di chiusura con l’accordo di un importo con la soddisfazione reciproca del contenzioso.

Il Governo ha dichiarato che la pace fiscale non sarà un condono ma un’ottimizzazione degli strumenti deflattivi del contenzioso.

Per sapere come si articolano le tre fasi, consigliamo di leggere l’articolo: Pace fiscale 2019: Ecco i tre livelli che prevedono agevolazioni e sconti

Pace fiscale con aliquote del 6,10 e 25%

La  “pace fiscale”, prevede che il contribuente in debito con il Fisco, abbia la possibilita di saldare il suo debito  pagando una percentuale minima dell’importo della cartella Equitalia.

Per sanare le liti con il Fisco, il calcolo avverrà sulla base della specifica situazione economica del contribuente interessato dalla misura secondo tre scaglioni di aliquote: 6, 10 e 25%. Verrà considerata anche la situazione del contribuente sia reddituale che familiare: eventuali figli minori a carico, immobili di proprietà e, ovviamente, situazione lavorativa, ecc.

Bollo auto non pagato cosa succede

Il bollo auto che il proprietario dimentica di pagare entro il mese successivo alla scadenza, viene richiesto il pagamento dall’Agenzia delle Entrate iniziando la procedura di recupero crediti. Inizialmente viene inviata una lettera al proprietario, un avviso bonario spedito dal Comune, informandolo che quel determinato veicolo risulta omesso il pagamento del bollo che dovrà essere regolato entro 30 giorni dalla data di notifica dell’avviso altrimenti viene inscritta a ruolo. Successivamente, se il pagamento non viene effettuato, verrà notificata una cartella di pagamento che dovrà essere pagata entro 60 giorni.

Per maggiori informazioni sul bollo auto e sui termini di prescrizione, consigliamo di leggere: Bollo auto non pagato, il termine di prescrizione è tre anni

Bollo auto non pagato sarà possibile accedere alla pace fiscale?

Secondo il nostro avviso la pace fiscale, si configura come una nuova rottamazione, e darà la possibilità di inserire le cartelle esattoriali in sospeso. Quindi se il bollo auto non è stato pagato ed è arrivata la cartella esattoriale, sarà possibile inserirla ottenendo sconti su interessi o more. Per il momento sono solo ipotesi, bisogna che la misura venga inserita nella nuova legge di Bilancio 2019 e approvata in G.U. 

Bollo auto non pagato

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.