Bollo auto non pagato, il veicolo può circolare?

-
29/10/2018

Il veicolo con il bollo auto non pagato cosa rischia ai controlli? Diamo una risposta agli automobilisti che non fanno le idee chiare

Bollo auto non pagato, il veicolo può circolare?

Molto spesso l’automobilista si fa molte domande, in quanto non è ben chiaro chi ha la facoltà di poter richiedere il pagamento del bollo auto, in questo articolo facciamo un po’ di chiarezza.

Bollo auto e assicurazione: evasione del pagamento cosa si rischia

Con la legge di stabilità 2016 si è dato maggiori poteri ai tutor e gli autovelox, cioè questi strumenti oltre a segnalare gli accessi di velocità hanno la possibilità tramite loro sensori controllare se l’autovettura abbia la copertura assicurativa, tale controlla avviene semplicemente con la rilevazione del numero di targa.

Un’autovettura che non ha la copertura della polizza assicurativa rischia pesanti sanzioni. Dobbiamo ricordare che l’esenzione va da €841 fino ad arrivare a €3000. Potrebbe, però, essere ridotta con una ravvedimento subitaneo dell’automobilista che dovrà provvedere entro 15 giorni a mettersi in regola con il pagamento RC Auto. Se ciò non avviene, inoltre, entro 30 giorni le sanzioni si inaspriscono e c’è l’obbligo di demolizione e radiazione del veicolo che nel frattempo è stato messo sotto sequestro.

Bollo auto 2018: evasione pagamento, pericolo di radiazione del veicolo

Bollo auto non pagato: il veicolo può circolare

Il bollo auto non può essere controllato da questi controlli tecnici, cioè dall’autovelox dai tutor, e non può essere neanche controllato da un posto di blocco fisico. Quindi neanche la polizia e la Guardia di Finanza possono fare un controllo del pagamento del bollo auto. L’evasione del bollo auto non impedisce al veicolo di poter circolare e spetta solo alla Regione o all’Agenzia delle Entrate, in caso di regione a statuto speciale, di richiedere la riscossione del debito tramite una determinata procedura.

Bollo auto non pagato: ecco le sanzioni per mettersi in regola

Per chi non ha pagato il bollo auto può mettersi in regola entro i 12 mesi con un ravvedimento operoso. Questo permette al contribuente di pagare la tassa con l’aggiunta di sanzioni ridotte. L’entità delle sanzioni va in base ai tempi nei quali ci si mette in regola:


Leggi anche: Censis, il rapporto del 2020 su consumi, ricchezza, società e sussidi di welfare: l’effetto del coronavirus

  • entro 2 settimane la sanzione dello 0,1% dell’importo per ogni giorno di ritardo;
  • entro 15-30 giorni il 1,5% dell’importo
  • dai 31 ai 90 giorni l’1,67%;
  • entro i 91 e i 365 giorni il 3,75% ;
  • oltre un anno 30% di sanzione più interessi moratori per ogni semestre di ritardo.

Bollo auto 2018: evasione pagamento, pericolo di radiazione del veicolo