Bollo auto risulta non pagato? Come provare il pagamento

-
19/06/2018

Bollo auto, non risulta pagato: ecco tutti i consigli per evitare la multa

Bollo auto risulta non pagato? Come provare il pagamento

Il bollo auto è una tassa che gli italiani già pagano con poco entusiasmo e quindi è molto facile dimenticare di pagarlo e si può incorrere in sanzioni. Ma anche quando si è pagato può accadere che le autorità competenti alla riscossione, come le regioni, richiedono nuovamente il pagamento, poiché non risulta l’importo pagato. L’errore si verifica nella maggior parte dei casi quando si è pagato il bollo in ritardo.

Ecco cosa deve fare il contribuente per tutelarsi da questa richiesta in caso abbia già pagato il bollo.

bollo auto verifica pagamento

Bollo auto come provare il pagamento

Un consiglio, banale ma essenziale, è conservare la ricevuta di pagamento per almeno 5 anni, anche se il bollo auto va in prescrizione entro 3 anni. In caso in cui il bollo è stato pagato online è bene conservare l’estratto conto o fare uno screen hot della pagina che attesta il pagamento.

Bollo auto europeo e nuovo calcolo: chi pagherà di più?

Ecco i siti da consultare per controllare il pagamento

È possibile controllare, se il pagamento del bollo è stato effettuato, tramite i portali regionali competenti territorialmente, le procedure possono cambiare da regioni a regioni. Alcune regioni hanno stipulato un accordo con l’Aci per gestire il bollo, la visura al Pra è a pagamento per i non soci.


Leggi anche: Esonero contributivo Inps 2021 per partite Iva: cos’è, come funziona e come fare domanda

Invece in Friuli Venezia Giulia, Sardegna, Sicilia, Marche e Valle D’Aosta la competenza è diretta dell’Agenzia delle Entrate. Il contribuente può verificare il pagamento del bollo tramite il portale dell’agenzia inserendo la categoria del veicolo, targa, anno di pagamento.

Leggi anche: Bollo auto non pagato, l’autovettura può circolare?

Bollo auto 2018, come pagare online