Bollo auto scaduto, non sempre va pagato, ecco perchè

Bollo auto: qual è il termine di prescrizione se non viene pagato? Quali sono le conseguenze?

Il bollo auto, come abbiamo specificato in altri articoli, è una tassa di possesso e non di circolazione quindi va sempre pagata anche se l’auto è in garage, anche se in quest’ultimo periodo la Commissione Europea ha approvato delle novità.

Bollo auto si pagherà in base ai chilometri, tutte le novità

bollo auto come pagarloTermini di prescrizione

Una domanda che gli automobilisti si fanno è: “Entro quanto tempo la Regione può richiedere il pagamento dei bolli arretrati?”

Non è una domanda facile da rispondere poiché vi è in contrasto il regolamento stradale e quello regionale, quindi ci sono continue richieste al giudice per chiarire la questione. Il 1° giugno, la Corte Suprema ha ribadito, di nuovo, che la prescrizione del bollo auto non è di 10 anni, come per le altre tasse, ma bensì di 3 anni.

Il bollo auto va pagato alle Regioni, solo in Friuli Venezia Giulia e Sardegna l’ente di riscossione è l’Agenzia dell’entrate, quindi è compito di questi enti richiedere il pagamento del bollo. Questi hanno tempo tre anni per richiedere il pagamento altrimenti il debito va in prescrizione.

Chiariamo il concetto di prescrizione: significa che non è più possibile obbligare una persona ad adempire una prestazione che il creditore ha dimostrato indifferenza a lungo. Quindi una volta trascorso il tempo di prescrizione e il creditore non ha rivendicato il pagamento, il contribuente è libero da ogni obbligo fiscale.

Come si calcola il tempo di prescrizione?

Come abbiamo detto, la Cassazione ha ribadito che l’interpretazione delle regioni di voler richiedere il pagamento del bollo entro i 10 anni è sbagliato. I termini ufficiali di prescrizioni del bollo auto è di tre anni.

Esso va calcolato a partire del 1 gennaio dell’anno successivo alla scadenza fino al 31 dicembre del terzo anno. Ad esempio, se il bollo scade il 31 luglio 2017, il tempo di prescrizione decorre dal 1 gennaio 2018 fino al 31 dicembre 2020. Facciamo notare che il tempo di prescrizione inizia sempre dal 1 gennaio dell’anno successivo della scadenza.

Se entro tale termine l’ente di riscossione invia una richiesta di pagamento, la prescrizione si interrompe e riparte dalla data in cui si è ricevuto l’avviso di pagamento, sempre per altri tre anni. Mente se si riceve un avviso di pagamento oltre i tre anni di prescrizione nulla è dovuto.

Richieste di pagamento del bollo auto

La regione invia inizialmente un avviso bonario, informando che per quel determinato veicolo non risulta il pagamento del bollo che dovrà essere regolato entro 30 giorni dalla notifica dell’avviso. Trascorsi i 30 giorni senza aver effettuato il pagamento, il debito viene inscritto a ruolo. Di conseguenza si riceverà una cartella esattoriale che dovrà essere pagata entro 60 giorni.

Ricordiamo che ogni volta che riceviamo un avviso di pagamento il tempo di prescrizione va ricalcolato dalla data del ricevimento della stessa. Se si riceve l’avviso di pagamento entro i tre anni di prescrizione, il bollo va pagato. Se riceviamo l’avviso di pagamento o la cartella esattoriale dopo i tre anni di prescrizione il bollo non va pagato.

Bollo auto: tempo di prescrizione in 10 anni

Vi è solo un caso in cui il bollo auto va in prescrizione dopo 10 anni. Questo avviene quando in conseguenza di una richiesta di pagamento del bollo auto dagli enti di riscossione, il contribuente impugna tale avviso davanti al giudice e la sentenza gli da torto. A questo punto il titolo per pretendere il pagamento è un atto giudiziario e come tale va in prescrizione dopo 10 anni.

Leggi anche: Bollo auto, chi può chiedere l’esenzione

Bollo auto non pagato, l’autovettura può circolare?

Bollo auto non pagato, il termine di prescrizione è tre anni

Bollo auto scaduto, non sempre va pagato, ecco perchè ultima modifica: 2018-06-13T09:55:39+00:00 da Maria Di Palo

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.