Bollo auto: sconto del 50% e nuovi metodi di pagamento, le ultime novità

-
08/01/2020

Nel 2020 la tassa automobilistica subisce un ridimensionamento, dal nuovo sistema PagoPa all’applicazione dello sconto sul pagamento del bollo del 50% su determinate vetture.

Bollo auto: sconto del 50% e nuovi metodi di pagamento, le ultime novità

Dal 1° gennaio 2020, il pagamento del bollo auto diventa automatizzato. Si tratta di un cambiamento di rotta che investe milioni di automobilisti, che ogni anno puntualmente sono alle prese con la tassa (forse) più detestata dagli italiani. Resta il fatto che dal 2020 cambia la procedura relativa al pagamento della tassa automobilistica, dovrà essere versata attraverso il sistema PagoPa dell’Agenzia delle Entrate. Ora, tutto sommato per l’automobilista cambia ben poco, eccetto la possibilità di ottenere uno sconto maggiore su determinate vetture.

Bollo auto: PagoPA il nuovo sistema dell’Agenzia delle Entrate

Innanzitutto, PagoPa non rappresenta l’indicazione della piattaforma dove versare il bollo, ma si tratta della nuova procedura di pagamento disposta dalla Pubblica Amministrazione attraverso i Prestatori di Servizio di Pagamento (PSP) che hanno aderito all’iniziativa dell’Ente. Il bollo auto, non ha subito variazioni in merito alle scadenze, ma sul modo di pagamento.  Si può pagare il bollo auto attraverso vari canali, quali:

  • sito o applicazione mobile;
  • agenzie di banca online, home banking, gli sportelli ATM ecc.;
  • punti vendita SISAL, Lottomatica, uffici postali ecc.

Bollo auto: sconto del 50%, ma per chi?

È possibile ricevere un sostanziale sconto sul pagamento del bollo auto pari al 50% dell’importo, ma tale modalità è riservata solo ai titolari, nonché possessori di auto o moto con un importante immatricolazione. Parliamo delle auto o moto collocate nell’interesse storico o da collezione, la cui immatricolazione risale all’incirca tra 20 e i 30 anni. Inoltre, è possibile richiedere l’esenzione del bollo per l’auto ibrida o elettrica, ma solo in determinate regioni. Sempre in alcune regioni è previsto l’applicazione dello sconto sul bollo. Come ad esempio, in Lombardia gli automobilisti che versano il bollo utilizzando il canale della domiciliazione bancaria, ottengono uno sconto sul totale dell’importo del bollo pari al 15%.


Leggi anche: Fondi pensione: anche con il coronavirus rendono più del TFR

Bollo auto: il Documento Unico di Circolazione

Altra novità molto importante riguarda il nuovo Documento unico di circolazione, che è entrato in vigore dal 1° gennaio 2020. Il che significa che tutti i dati inerenti al veicolo da gennaio saranno inserite in un unico documento. In sostanza, il Foglio Unico di circolazione contiene sia il certificato di proprietà auto che il libretto di circolazione.

Tale prassi non riguarda microcar e ciclomotori. Inoltre, non sono obbligati alla trasformazione del documento unico i veicoli immatricolati prima del 1° luglio 2018, e quelli in circolazione prima della validità della norma. Sostanzialmente il Foglio Unico di circolazione viene rilasciato all’atto della prima immatricolazione, oppure nel momento in cui si trasferisce la proprietà del veicolo.

Una procedura che garantisce un risparmio all’incirca 40 euro, ma nello stesso tempo, consente alla Pubblica Amministrazione di accelerare la pratica di radiazione dei veicoli, sprovvisti del pagamento del bollo da circa 3 anni.