Bonifico cassa integrazione per coronavirus: arriva tra 10 giorni

-
21/04/2020

Tanta la confusione sulla cassa integrazione per coronavirus di nove settimane, tante promesse ma non tutte mantenute, il bonifico fra 10 giorni.

Bonifico cassa integrazione per coronavirus: arriva tra 10 giorni

La cassa integrazione per Covid-19 doveva essere una misura veloce e con pagamento quasi immediato. Purtroppo, come tutte le cose italiane, i tempi sono lunghi e anche avendo previsto l’accredito di 1.400 euro dalle banche, non sono mancate le difficoltà. Scopriamo ad oggi a che punto siamo con l’accredito da parte dell’Inps della CIGO.

Cassa integrazione: vorrei certezze

Un lettore ci scrive: Egregio direttore ho chi per lei se è possibile avere informazioni su quanto richiesto in merito alla cig in quanto fatta richiesta come da decreto legislativo non sì ha nessuna notizia c’è più confusione che certezze se gentilmente può farmi chiarezza in merito ne sarei grado specie in questo momento difficile che stiamo attraversando è la chiarezza vale più della confusione dal momento che sì parlava che tutto sì sarebbe risolto a breve ma ho l’impressione che non sia così. Grazie di avermi ascoltato spero in un vostro riscontro cordiali saluti

Lei ha ragione e la confusione è tanta, cerchiamo di capire in base alle fonti ufficiali.

Informazioni dall’Inps

Il sito Inps riporta che il pagamento della cassa integrazione per Covid-19 sarà pagata direttamente dall’ente con accredito sul conto corrente nel periodo temporale intercorrente dal 23 febbraio al 31 agosto 2020. La Cigo ha una durata complessiva di nove settimane.

Il pagamento della cassa integrazione può avvenire in due modi: con accredito dall’Inps (la maggior parte dei datori di lavoro hanno optato per questa modalità); oppure con anticipo da parte del datore di lavoro che poi provvederà al conguaglio per recuperare le somme anticipate.

Per accelerare i tempi e dare la possibilità ai lavoratori di percepire la cassa integrazione nel mese di aprile, l’ABI ha stipulato una convenzione con le banche. I lavoratori che ne fanno richiesta possono avere una somma disponibile su conto corrente di 1.400 euro (una somma forfettaria che corrisponde alle nove settimane di Cigo).


Leggi anche: Censis, il rapporto del 2020 su consumi, ricchezza, società e sussidi di welfare: l’effetto del coronavirus

Anche in questa ipotesi i problemi non  sono mancati, e molti lavoratori non sono riusciti a chiedere l’anticipo. L’Abi pubblica l’elenco delle banche aderenti all’iniziativa, il lavoratore per accedere deve avere aprire (se non lo ha già) un conto corrente presso la banca scelta e presentare una documentazione.

La documentazione da presentare una dichiarazione dell’azienda e inviare il tutto tramite mail.

Fin qui sembra tutto semplice, ma non è così.

Abbiamo risposto ad un lettore che ha avuto molte difficoltà a farsi riconoscere dalla sia azienda il modello; oppure lavoratori che non hanno un conto corrente ma le carte prepagate e non voglio aprire un conto corrente, ecc.

Bonifico della cassa integrazione su conto corrente

Quindi, molti stanno aspettando l’accredito dall’Inps, ma quando arriverà? In una circolare l’ABI del 16 aprile, conferma che i bonifici saranno effettuati post domanda a cadenza mensile a partire dalle mensilità di febbraio/marzo, quindi a breve dovrebbe arrivare il bonifico per queste mensilità; nei primi di maggio il bonifico per aprile e a giugno il bonifico per maggio.

Nei prossimi dieci giorni arriverà il bonifico per febbraio e marzo, consiglio di controllare giornalmente il conto corrente.