Bonus 2018 per famiglia e figli: requisiti e limiti

-
28/10/2018

Nella Legge di Bilancio 2018 sono presenti numerosi Bonus per la famigli e per i figli a carico, presenti anche requisiti ed i limiti di ogni bonus. Ecco di seguito la carrellata di bonus dell’anno 2018.

Bonus 2018 per famiglia e figli: requisiti e limiti

Nella Legge di Bilancio 2018 sono presenti numerosi Bonus per la famiglia e per i figli a carico, presenti anche requisiti ed i limiti di ogni bonus. Ecco di seguito la carrellata di bonus dell’anno 2018.

Bonus 2018 famiglia e figli a carico

Per l’anno 2018 la soglia del reddito per definire i figli a carico si riconferma la somma di 2.840,51 euro. Poi, la detrazione IPERF varia in base al alcuni elementi, come la composizione del nucleo famigliare, la fascia anagrafica dei figli che ve ne fanno parte; questi sono solo alcuni esempi. La soglia sarà riconfermata anche nell’anno 2019 ma soltanto per quelle famiglie che hanno figli a carico la cui età non superi i 24 anni. Restano invariati i rapporti e le modalità di calcolo, mentre la detrazione verrà quantificata in base ad alcuni fattori, come il reddito del genitore, la fascia anagrafica dei figli, possibili condizioni di disabilità che possono presentarsi e la già citata composizione del nucleo famigliare.Bonus 2018: famiglia e figli, requisiti e limiti

Come calcolare la detrazione?

Il calcolo è il seguente: bisogna sottrarre il proprio reddito complessivo al reddito teorico di 95 mila euro, contando che bisogna aggiungere 15 mila euro in più per ogni figlio. Segue la divisione dei 95 mila euro con il risultato della prima operazione e moltiplicare la detrazione con l’ultimo risultato uscito. La detrazione spetta per il 50% ad entrambi i genitori, salvo in caso di accordi diversi.

Bonus Bebè 2018

Tale bonus da quest’anno sarà valido soltanto per 365 giorni ed è stato prorogato soltanto per l’anno 2018 e l’importo sarà erogato per solo un anno. Esso vale soltanto per i bambini che sono nati o che sono stati adottati dal 1° gennaio del 2018. L’importo di tale bonus varia a seconda dell’indicatore ISEE. La base minima è di 80 euro mensili per 12 mesi per famiglie che hanno l’ISEE tra 7 e 25 mila euro annui, di seguito l’assegno raddoppierà qualora l’ISEE sia inferiore ai 7 mila euro.Bonus 2018: famiglia e figli, requisiti e limiti


Leggi anche: Bonus ristorazione (Mipaaf) Covid e fondo per la filiera: arriva la proroga al 15/12, ecco le istruzioni con i codici Ateco

Bonus Asilo Nido

Per chi ha richiesto tale bonus dal 29 gennaio al 31 dicembre 2018, gli sarà permesso di pagare le rette degli asili nido pubblici e privati autorizzati, ed anche le forme di assistenza domiciliare. Il massimo del bonus è di 1.000 euro e i beneficiari sono i bambini nati o adottati dal 1° gennaio 2016. L’assegno INPS sarà suddiviso in 11 rate mensili da 90, 91 euro . In caso di bambini affetti da patologie croniche sotto i 3 anni, l’importo massimo rimane di quella cifra ma l’erogazione INPS avverrà in cifra unica.

Chi può fare domanda?

Ovviamente tutti i genitori di bambini nati o adottati dal 1° gennaio 2016 con cittadinanza italiana e comunitaria ed extracomunitaria, tenendo conto del fatto che è necessario essere in possesso del permesso di soggiorno di lungo periodo. La scadenza di richiesta ricade sul giorno 31 dicembre 2018, e sarà possibile presentarla in via telematica, tramite patronato o Contact Center.people-3104635_960_720

Bonus Babysitter

Le persone soggette al bonus sono mamme lavoratrici dipendenti, lavoratrici iscritte alla Gestione Separata e alle lavoratrici autonome e indipendenti. Il bonus presenta una somma di 600 euro mensili per 6 mesi. Serve per l’acquisto di servizi di baby sitting . Per il 2018 l’importo sarà erogato dall’INPS alle modalità perviste per il Libretto di Famiglia. Sarà possibile fare domanda come nel caso del bonus Asilo Nido.

Bonus Mamme Domani

Trattasi di un premio di ben 800 euro alle mamme al 7° mese di gravidanza, anche se è possibile richiederlo qualora si fosse nell’ottavo mese di gravidanza oppure alla nascita del figlio o alla sua adozione, attraverso apposita documentazione. Possono richiederlo tutte le mamme residenti in Italia con cittadinanza italiana o comunitaria. Per le mamme senza quest’ultima cittadinanza sarà richiesto il permesso di soggiorno UE per lunghi periodi o carta di soggiorno per familiari di cittadini UE.pregnant-1245703_960_720


Potrebbe interessarti: Conto corrente, multe salate a Natale: quando scattano e come evitarle

Bonus Assegno nucleo famigliare

Per famiglie che prevedono più di 3 figli è previsto un assegno concesso dal Comune stesso qualora si trattassero di minorenni. La domanda la si può fare attraverso il sito dell’INPS o tramite Caf. La scadenza ricade sul 31 gennaio dell’anno seguente a quello per il quale si richiede il beneficio.

Bonus Carta Famiglia

E’ un bonus riservato a nuclei famigliari con almeno 3 figli a carico con ISEE annuo inferiore a 30.000 euro. Permette di avere sconti su servizi di trasporto, servizi sportivi e culturali, beni alimentari e commerciali e turistici. Tale tessera è valida per due anni e può essere richiesta al Comune proprio.

Bonus Reddito di inclusione

Si tratta di un aiuto economico per famiglie in condizioni di povertà e permette anche un inserimento sociale e professionale.