Bonus 513 euro fino al pensionamento, pubblicato emendamento per anni 2017/2018

-
09/10/2019

Aggiornamenti importanti sul Bonus di 513 euro quale indennizzo per chi ha dovuto chiudere l’attività, chiamato anche “rottamazione cartelle”

Bonus 513 euro fino al pensionamento, pubblicato emendamento per anni 2017/2018

Aggiornamenti importanti sul Bonus di 513 euro quale indennizzo per chi ha dovuto chiudere l’attività, chiamato anche “rottamazione attività”. Questo bonus viene riconosciuto mensilmente è permette di arrivare all’età pensionabile. Le ultime notizie vedono la pubblicazione dell’emendamento nel decreto crisi che include nella misura anche coloro che hanno cessato l’attività nel 2017/2018.

Ricordiamo che la circolare Inps con le istruzioni operative aveva escluso gli aventi diritto degli anni 2017 e 2018, unici anni in qui l’indennizzo Indcom non era stato prorogato.

Dal 1° gennaio 2019 la misura è definitiva è sarà applicata annualmente dai richiedenti. Per sapere quali sono i requisiti e come fare  vi consigliamo di leggere: Pensione: indennizzo cessazione attività commerciale 2019, importo e domanda

L’impegno della senatrice Matrisciano ha permesso ai nuovi “esodati”, così definiti per l’esclusione degli anni 2017/2018, di far valere i diritti di tantissimi lavoratori. La senatrice Matrisciano ha portando nel decreto crisi un emendamento che include anche gli anni 2017/2018 all’art. 11 – bis. 

Ci è arrivato in redazione un ringraziamento di  ex commerciante, diretto alla senatrice Di Girolamo che ha sostenuto la sua battaglia fino in fondo. 

Emendamento: art. 11 – bis Estensione dell’indennizzo per le aziende commerciali in crisi

Al punto 1 l’emendamento cita: “Al fine di sostenere le aziende commerciali in crisi, fermo restando quanto previsto dall’articolo 1, commi 283 e 284 della legge 30 dicembre 2018 n. 145, l’indennizzo di cui all’articolo 1 del decreto legislativo 28 marzo 1996, n. 2017, è riconosciuto, nella misura e secondo le modalità ivi previste anche ai soggetti in possesso dei requisiti di cui all’articolo 2 del medesimo decreto legislativo nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2017 e il 31 dicembre 2018”.

Matrisciano, Anastasi, Puglia, Campagan, Angriani, Nocerino, Moronese, Giannuzzi, Trentacoste, Di Girolamo, Auddino