Bonus 515 euro mensili: 62 anni uomini e 57 donne con 5 anni di contributi

-
30/04/2020

Bonus 515 euro mensili fino al raggiungimento dei requisiti della pensione di vecchiaia, un provvedimento che pochi conoscono.

Bonus 515 euro mensili: 62 anni uomini e 57 donne con 5 anni di contributi

L’indennizzo commercianti chiamato anche “bonus di 515 euro”, viene riconosciuto a coloro che chiudono l’attività commerciale. Questa misura non è molto conosciuta, molti i lettori che sono venuta a conoscenza di questa misura attraverso i nostri articoli. Ma vediamo di cosa si tratta e cos’è successo nel tempo e soprattutto ci soffermeremo sugli aventi diritto e ancora in attesa che la norma venga rettificata.

Bonus di 515 euro: i beneficiari

L’indennizzo commercianti consiste nell’erogazione di un assegno di 515 euro mensile fino al raggiungimento dell’età per la pensione di vecchiaia (67 anni) per coloro che chiudono un’attività commerciale.

I requisiti richiesti sono: 

– uomini almeno 62 anni di età anagrafica, donne 57 anni;
– i lavoratori devono essere iscritti, al momento della cessazione dell’attività, da almeno 5 anni, anche non continuativi, alla Gestione dei contributi previdenziale degli esercenti attività commerciali;

– bisogna aver cessato l’attività commerciale, in via retroattiva dal 2017

Rettifica con integrazione anni 2017/2018, restano fuori dal 2014 al 2016

Il bonus di 515 euro è divenuto definitivo dal 1° gennaio 2019, all’inizio potevano fare domanda solo coloro che hanno chiuso l’attività il 1° gennaio 2019, poi successivamente la prestazione è stata integrata includendo anche coloro che hanno chiuso l’attività negli anni 2017/2018. Rimane ancora una falla in questa prestazione “IND COM” che riguarda coloro che per pochi giorni negli anni 2014 -2015 -2016 non sono rientrati.


Leggi anche: Whatsapp dal 2021 smetterà di funzionare su questi cellulari

L’indennizzo è un diritto riconosciuto in base al contributo aggiuntivo

L’indennizzo è finanziato con l’aliquota del contributo aggiuntivo dello 0,09% ed è concesso nei limiti delle risorse del Fondo istituito nell’ambito della Gestione dei contributi e delle prestazioni previdenziali degli esercenti attività commerciali.

La situazione ferma all’Odg del 26 febbraio

In merito sono state presentate richieste e il M5S ha chiesto un ampliamento presentando ODG il 26 febbraio 2020 per ampliare la platea dei beneficiari, includendo anche i commercianti del triennio in oggetto (2014-2015-2016). Poi la pandemia da coronavirus ha fermato tutto. 

Una lettrice ci chiede di pubblicare la sua lettera perché la situazione è insostenibile.

Bonus 515 euro: lettera di un “esodato”

Carissima, siamo arrivati all’orlo non ne possiamo più aiutano tutti tranne noi che siamo già in crisi già dx prima del Covid 19 ma possibile che siamo invisibili come questo Covid 19 ? Spero pubblicherai il mio appello.  

Cari governatori, in questo momento di buio totale del nostro paese, di ansie, paure, avete aperto un po’ di luce quasi per tutti i cittadini. Ma per noi esodati commercio 2014 /2016 il buio è totale, già prima del Covid 19 ,siamo stati privati di un nostro certo diritto, non chiediamo nulla che non sia solo un nostro sacrosanto diritto. Aiutate anche noi esodati, basta poco per farci tirare un respiro di sollievo. Grazie