Bonus 600 euro: al netto sarebbe 478 o si tratta di una bufala?

-
15/04/2020

La falsa notizia che vorrebbe il bonus da 600 euro al lordo (e che al netto sarebbe di poco più di 478 euro) ha lo scopo di creare tensioni, diffidatene.

Bonus 600 euro: al netto sarebbe 478 o si tratta di una bufala?

In questi giorni si sta allargando a macchia d’olio sui social network, come Facebook, la falsa notizia che il bonus per partite IVA, lavoratori autonomi, stagionali e cococo, sia di 600 euro lordi e che il calcolo al netto porterebbe la cifra a soli 478. Si tratta, appunto solo di una bufala.

La bufala dei 600 euro che diventano 478

Si tratterà di una coincidenza ma questa bufala è iniziata a circolare subito dopo la conferenza stampa del premier Giuseppe Conte con l’attacco contro Matteo Salvini e Giorgia Meloni.

E’ stato diffuso lo screenshot di un pagamento dell’indennità (falso e ritoccato per l’occasione) che riporta l’accredito di 478,22 euro con l’intento di far percepire un’ulteriore abbassamento del corrispettivo percepito quale indennità allo scopo di far perdere, probabilmente, credibilità al governo.

La bufala vuole far credere che i primi richiedenti abbiano già ricevuto l’indennità di 600 euro (i cui pagamenti sono previsti per questa settimana) scoprendo che la cifra di 600 euro è stata abbassata per l’applicazione delle tasse (ma è bene ricordare che la cifra non andando ad aumentare il reddito imponibile è esentasse).

La bufala è partita da un gruppo Facebook apertamente contro il Governo Conte ma ci teniamo a sottolineare che si tratta di una notizia falsa per 2 motivi:

da una parte i pagamenti partono questa settimana ed è, quindi, impossibile che qualcuno li abbia ricevuto il 9 aprile (data riportata sulla falsa foto fatta circolare)

dall’altra il governo, come abbiamo anche anticipato sopra. Ha sempre sottolineato che la cifra erogata fosse al netto di tasse e contributi (quindi 600 euro netti).

Il bonus da 600 euro, quindi, per chi ne ha diritto, sarà erogato nella cifra di 600 euro nette così come annunciato dal Premier Conte. Tra l’altro mi giunge notizia proprio in questo momento che un nostro collaboratore ha ricevuto questa mattina l’accredito del bonus: sono 600 euro e non meno.

In un periodo in cui tutto sembra difficile è bene diffidare di notizie nefaste ed allarmistiche che servono solo a creare ulteriore tensione. Partendo dal presupposto che di bugie ne son state dette (come quella che il MES sarebbe stato attivato dall’Italia, cosa che il premier ha prontamente smentito sbugiardando chi ha diffuso la notizia) e che continueranno ad esserci per mettere la popolazione contro l’esecutivo, prima di condividere una notizia che crea malumore accertatevi sulle fonti istituzionali che sia fondata.