Bonus abbonamento trasporti pubblici 2019: come funziona e quanto si risparmia

-
09/09/2018

Come si ottiene la detrazione del 19% sulle spese trasporto pubblico locale, regionale e interregionale?

Bonus abbonamento trasporti pubblici 2019: come funziona e quanto si risparmia

Per chi si sposta con i mezzi di trasporto pubblici in arrivo novità importanti. Gli abbonamenti ai trasporti pubblici e titoli di viaggio pagati nel 2018 potranno essere portati in detrazione nella dichiarazione dei redditi 2019. Vediamo quali sono le regole per fruire delle detrazioni e quanta parte del biglietto/abbonamento è possibile recuperare.

Detrazione trasporti pubblici

Per chi si muove usando bus, treno e metropolitana nel 2019 potrebbero esserci delle novità sostanziali. Le ultime notizie fanno pensare che le spese sostenute nel 2018 per l’abbonamento al trasporto pubblico locale, regionale e interregionale potranno essere detratte dalla dichiarazione dei redditi 2019.

La legge di Bilancio 2018, stando a quanto riporta l’Agenzia delle Entrate, avrebbe introdotto una detrazione Irpef del 19% per le spese sostenute per il trasporto pubblico locale, regionale e iterregionale per un tetto massimo annuale di 250 euro.

Le spese sostenute per l’acquisto di un abbonamento ai trasporti pubblici, che sarà possibile portare in detrazione sono quelle sostenute direttamente dal contribuente o quelle sostenute per un familiare fiscalmente a carico.

Detrazione abbonamento trasporti: quali regole?

Per poter portare in detrazione le spese sostenute per l’acquisto di abbonamenti per il trasporto pubblico è necessario conservare la documentazione relativa al pagamento e il titolo di viaggio (o abbonamento). Per ottenere la detrazione non è richiesto alcun requisito basato su redditi o Isee, quindi, sarà una detrazione aperta a tutti coloro che utilizzano il trasporto pubblico.